Il coaching non è terapia ma può essere terapeutico

by | Aug 31, 2021 | Futuro, Strumenti di coaching

Gestendo d’anticipo il primo supporto psicologico durante i periodi di trauma, le future malattie mentali possono essere ridotte”

 

Il feedback dei clienti che affermano di non sapere quanto fosse potente il coaching è stato brillante!”

 

Dopo solo poche sessioni con il mio coach, ho iniziato a vedere la mia vita migliorare e mi sono sentito molto meglio con me stesso e ottimista per il futuro

Il coaching non è terapia ma può essere terapeutico – George Everly, JR, PHD

Con l’evolversi della pandemia, i coach saranno sempre più chiamati a fornire competenze, strumenti e modi per supportare chi soffre di stress ed ansia. Cathy Jones Moore mette in evidenza una serie di modelli e strumenti che possono essere utilizzati durante e dopo i periodi traumatici.

Come professionisti del coaching, abbiamo a che fare con le sfide che il Covid-19 ha portato alle nostre aziende, ai nostri clienti e alle nostre reti. Come coach, siamo coinvolti e interessati, mai come prima d’ora ad affrontare i nuovi problemi emergenti di questa pandemia. Questi problemi ci hanno portato a guardare dentro di noi e alla nostra conoscenza per individuare strumenti e metodologie per supportare ed aiutare i nostri clienti.

girl with a heart in card board between her hands

Molti clienti stanno attualmente vivendo traumi e ansia, anche i clienti che normalmente non soffrirebbero di ansia. Ho quindi deciso di completare il corso di Primo Soccorso Psicologico John Hopkins e durante il quale, il ruolo di noi coach mi ha davvero colpito. Il primo soccorso psicologico (PSP) può essere definito come “una presenza compassionevole e di supporto progettata per mitigare il disagio acuto e valutare la necessità di un’assistenza continua alla salute mentale” (Everly & Fynn 2005).

Se osserviamo più da vicino il modello RAPID di primo soccorso psicologico, un modello che viene utilizzato frequentemente durante i periodi di stress, possiamo vedere esattamente come il ruolo del coach può funzionare durante i periodi traumatici e le somiglianze tra PSP e coaching:

primo soccorso psicologico

Rapporto: come entrare in sintonia con i nostri clienti è la prima cosa che impariamo come coach. L’importanza del primo incontro introduttivo (chemistry session) e l’uso del nostro linguaggio del corpo sono fondamentali per mettere a proprio agio i nostri clienti, al fine di costruire il rapporto.

Valutazione: – (Assessment) screening per l’individuazione di situazioni o circostanze potenzialmente sfavorevoli – in qualità di coach dobbiamo valutare e comprendere le esigenze dei nostri clienti, ad esempio hanno bisogno di coaching, consulenza o terapia? Scopriamo di più sulle esigenze dei nostri clienti attraverso un set di domande potenti e l’ascolto, al fine di permetterci di valutare le loro esigenze. Una parte fondamentale della PSP è l’ascolto riflessivo ed è uno strumento che molti di noi usano con i nostri clienti per stabilire i loro obiettivi e portare chiarezza nel loro processo di pensiero.

Priorità: aiutare il cliente ad individuare che cosa sia realmente urgente per loro in questo momento ovvero simile alla definizione di un obiettivo. Qual è la priorità per i nostri clienti in questo momento? Come qualsiasi strumento o modello di coaching, esiste un piano d’azione e aiutiamo i nostri clienti a dare priorità a ciò che è importante e quali azioni possono compiere oggi, per consentire loro di andare avanti e progredire. Spesso suddividiamo i loro obiettivi in ​​scadenze gestibili senza ignorare l’obiettivo finale. È importante identificare le “sotto azioni”, altrimenti l’obiettivo, come una montagna, può risultare troppo alto e difficile da scalare e quindi intimidire.

Intervento: riassumere ciò che hai sentito, normalizzare le reazioni, aiutare a formare un piano: questo è il fulcro di tutti i modelli di coaching. Abbiamo bisogno di un piano d’azione per i nostri clienti che li aiuti a raggiungere i loro obiettivi e assicurarsi su come raggiungeranno questi obiettivi nel breve termine.

Disposizione – terminare la sessione e pianificare un follow up – come tutti i buoni coach, riassumiamo e pianifichiamo la prossima sessione con i nostri clienti. La PSP non dovrebbe essere un intervento una tantum e il coaching è raramente una sessione una tantum.

Gestendo d’anticipo il primo supporto psicologico durante i periodi di trauma, le future malattie mentali possono essere ridotte.

I principi di base per l’aiuto PSP sono molto simili al coaching e questo mi ha davvero colpito durante il mio tempo con Connect a Coach, un’organizzazione di volontariato che offre sessioni di coaching gratuite a persone che lavorano in prima linea. La maggior parte dei miei clienti durante questo periodo era molto angosciata, molto confusa e molto spaventata con molti che piangevano in modo incontrollabile. La sfida più grande come coach era valutare se la persona avesse bisogno di essere indirizzata alla consulenza o se il coaching fosse una possibile soluzione. 

a splendid ROSEHo scoperto che l’applicazione di strumenti di coaching, come il modello Resilience ROSE (Paula King), è stato molto utile e potente. Qual era il motivo / ragione per vivere? Quali sono i loro più grandi successi? Di cosa si sentono maggiormente orgogliosi? Domande così potenti in questi tempi difficili per tutti noi, risultano veramente utili e impattanti. Queste domande hanno fatto capire loro l’importanza della propria identità, che a volte è stata persa lavorando in prima linea durante questa pandemia.

Ottimizzazione: Quali sono le loro speranze e i loro sogni per il futuro? Un’ottima domanda per aiutare a focalizzare i clienti e in effetti noi stessi in questi tempi. 

Empowerment: Chi può aiutarti in questo momento? Questo modello è molto utile per il modello di valutazione PSP

Il modello CBT di ancoraggio è stato molto utile chiedendo ai clienti di ricordare un buon momento della loro vita in cui le cose stavano andando alla grande. Alcuni dei quali ricordavano le cose più piccole come passare la serata a casa con i figli davanti alla TV, un’attività a cui non potevano più partecipare. Visualizzando e ricordando i bei momenti della loro vita, questo li aiutava ad andare avanti e a superare la giornata.

Dr. Claire Hayes ed il modello ABC relativo al comportamento cognitivo dell’emozione – I pensieri non sono fatti! Abbiamo oltre 60.000 pensieri al giorno di cui il 90% sono gli stessi del giorno prima. Questo può essere molto dannoso se i nostri pensieri sono tutti negativi. Abbiamo bisogno di aiutare i nostri clienti attraverso i loro pensieri, le loro convinzioni e le loro azioni. Sono i pensieri dei nostri clienti, non le loro condizioni, a determinare come si sentono. I loro pensieri sono utili o inutili? Non c’è mai stato un momento come il presente per lavorare con i nostri clienti sulle loro convinzioni e valori.

Anche lo strumento di SPOT coaching è molto utile: i clienti ora vogliono sessioni più brevi e molte delle quali sono ora online e quindi sono limitate e definite nel tempo. Questo, collegato al modello VUCA, può essere molto prezioso per i nostri clienti per schiarirsi le idee ed evitare di focalizzarsi sui singoli eventi, durante questo periodo stressante.

Negli ultimi mesi, ho dovuto suggerire ad un cliente di rivolgersi alla consulenza, mentre tutti gli altri sono stati felici di partecipare alle sessioni di coaching. Il feedback è stato brillante con i clienti che hanno affermato di non sapere quanto fosse potente il coaching e alcuni hanno ammesso di non aver capito cosa fosse il coaching prima di questo percorso.

Un operatore sanitario che lavorava nelle case di cura in prima linea, dopo aver visto molti morti, era molto angosciato. Il suo principale feedback è stato che il coaching ha creato quello “spazio sicuro” per lei per parlare della sua esperienza, valutarla e mettere in atto un piano per consentirle di andare avanti – per me questo incarna il coaching nella sua forma più vera.

Ero completamente perso e non riuscivo a vedere alcuna soluzione ai miei problemi. Dopo solo poche sessioni con il mio coach, ho iniziato a vedere la mia vita migliorare e mi sono sentito molto meglio in me stesso e pieno di speranza per il futuro. Consiglierei a chiunque stia attraversando un momento difficile di provarlo perché ha migliorato immensamente la mia prospettiva. Grazie di tutto. Testimonianza del cliente luglio 2020

Il dottor George Everly fa riferimento all’aumento dopo una pandemia o un disastro naturale, c’è sempre un’impennata delle richieste di professionisti della “salute mentale” e questa domanda può variare dal 15 al 25% di tutte le persone colpite. Pertanto, possiamo supporre che la domanda a causa del Covid-19 sarà anche piú elevata a causa dei grandi numeri. Lo vediamo già accadere in Irlanda e la domanda è “Come possiamo dimostrare il valore degli coach in questi tempi?”

Quando l’incidente è improvviso o devastante, il 25% o più della popolazione può manifestare quella che è stata definita the disaster syndrome (sindrome da catastrofe), una condizione caratterizzata da sopravvissuti che appaiono confusi, storditi e sperimentano una gamma potenzialmente ampia di sintomi mentali ed emotivi acuti. Anche le reazioni psicologiche problematiche ai disastri possono essere prolungate, con tassi di prevalenza del disturbo da stress post-traumatico che vanno dall’11% al 40%. (rif 2)  

Se colleghiamo questo al Pronto Soccorso Psicologico e alle competenze richieste, in definitiva questo è il modo in cui i coach possono aiutare i propri clienti. Se noi, come coach, dovessimo cambiare le nostre pratiche e cercare modi per supportare i nostri clienti, possiamo fornire un prezioso aiuto e fare la differenza per la salute mentale in futuro. Attraverso l’uso di potenti strumenti di coaching e utilizzando i nostri standard di coaching ed etica, possiamo dare un enorme contributo complessivo alla salute mentale positiva.

Non siamo counsellors o terapisti, ma possiamo essere terapeutici.

Riferimenti

Rif. 1 Modello ROSE – Paula King Kingstown College https://www.kingstowncollege.ie/rose-model/

Rif. 2 https://journals.lww.com/jphmp/Fulltext/2014/09001/The_Development_of_a_Model_of_Psychological_First.5.aspx

Rif. 3 https://www.hopkinsmedicine.org/health/conditions-and-diseases/coronavirus/navigating-covid-19s-mental-health-impact

Rif 4: Dr. Claire Hayes – Trovare la speranza nell’era dell’ansia

Bio

Cathy Jones Moore - Executive & Life Coach

Cathy Jones Moore è un Executive & Life Coach qualificato. È accreditata EMCC Practitioner e membro dell’ICF. Supporta molti importanti dirigenti e clienti privati ​​che desiderano migliorare e consentire loro di vivere una vita migliore. Cathy crede fermamente nell’intero concetto di coaching e in ciò che può contribuire alla vita di un cliente. Cathy è anche un’esperta manager delle risorse umane con oltre 20 anni di esperienza in vari settori industriali e coach. Cathy ha un profondo interesse per la psicologia positiva e i benefici della stessa nel campo del coaching. Cathy è attualmente un coach volontario per “Connect a Coach”.

POTREBBE INTERESSARTI