Tre consigli per l’accordo di coaching

by | Apr 20, 2022 | Idee, Strumenti di coaching

Stabilire l’Accordo di Coaching (e mantenerlo)

Di Alan Brereton

Se desideri rivedere il testo completo di questa competenza di coaching puoi trovarlo a questo link.

Organismi di coaching internazionali come ICF (International Coaching Federation) ed EMCC (European Mentoring and Coaching Council) propongono la competenza di coaching di creare e mantenere gli accordi o i contratti stipulati. Per molti nello spazio del coaching questo significa semplicemente l’importanza del coach e del cliente / coachee che sviluppano una chiara comprensione dello scopo della loro relazione.

stretta di mano per stipula contratto

Tuttavia, quando andiamo più in profondità, scopriamo che questa competenza è disseminata in tutta la relazione. Si stabilisce con buoni accordi e viene mantenuto dal coach sapendo cosa cercare e, francamente, cosa dire!

In sostanza, stiamo gestendo le aspettative.

In questo articolo esaminiamo 3 suggerimenti per l’accordo di coaching, ma chi ha studiato al Kingstown College puó guardare il webinar completo sull’app degli ex studenti o accedere utilizzando il portale desktop.

 

1. Sii consapevole di che cosa può andare storto

Nel preparare questo articolo e webinar ho voluto chiedere il punto di vista di altri supervisori di coaching, per avere un’idea di ciò che si sta rivelando come un vero problema per i coach, intorno al contratto o all’accordo quando viene stipulato. Nella discussione avuta con Ed Boland (Kingstown College director) e James McLeod (docente senior), siamo arrivati ad alcuni interessanti spunti da condividere:

  • Il coach o il cliente non capisce esattamente cosa c’è nell’accordo;
  • Non è stato fatto abbastanza lavoro fatto attorno all’esplorazione degli obiettivi;
  • Nessuna metrica chiara creata per identificare se l’obiettivo è stato raggiunto e, quindi, in che modo il coaching sia stato d’aiuto e di successo;
  • Troppo focalizzato su azioni e responsabilità e quindi trasformando la sessione di coaching in un incontro di gestione o performance;
  • Il coach diventa troppo familiare con il cliente e, attraverso questa relazione di tipo amichevole, si rischia di scivolare in una modalità di mentoring.

 

2. Prenditi il tempo per leggere, capire, regolare e concordare tutto con il tuo cliente

Tutto ciò che devi dire durante la sessione di coaching è stato autorizzato, in base a ciò che hai definito nello stabilire l’accordo sin dall’inizio. Successivamente, è necessario semplicemente mantenerlo.

Dopo l’incontro introduttivo (sessione di chemistry), che è di circa 20-30 minuti, il cliente deciderà se continuerà nella relazione di coaching con te come coach. Una volta confermata l’intenzione di lavorare con voi come coach, può essere utile organizzare un incontro “contrattuale” per formalizzare gli adempimenti amministrativi.

Condividere il tuo schermo nella riunione virtuale è un ottimo modo per farlo in quanto puoi leggere insieme il tuo accordo standard, riempire gli spazi intorno agli obiettivi di coaching, costi, durata, frequenza, ecc. E anche apportare modifiche in tempo reale, ove necessario. Dopo quell’incontro puoi inviare una copia del contratto al tuo cliente in modo che abbia anche una registrazione di ciò che hai co-definito e creato.

 

3. Ecco cosa potresti dire

Molto spesso, il coach comprenderà la competenza da usare, ma potrebbe non essere sicuro di come parlarne.

L’approccio linguistico che usiamo è davvero importante e avere frasi di riferimento per queste conversazioni è importante quanto l’avere la lista delle domande potenti da utilizzare. Ecco alcuni esempi

  • Permettendo al cliente di regolare l’obiettivo o il risultato – “Durante la nostra prima sessione insieme abbiamo disimballato molto di ciò che sta succedendo. Dopo averlo fatto, e con la settimana per pensare a ciò che è emerso in quella discussione, sei felice che l’obiettivo che ti sei inizialmente prefissato per il coaching, ritieni sia sufficientemente accurato? In che modo potresti affinarlo ulteriormente?”
  • Mantenere la conversazione in carreggiata – “Parte del mio ruolo di coach è quello di tenerti concentrato sulla tua agenda. Questa è una conversazione davvero interessante, ma potrei semplicemente verificare se è collegata all’obiettivo / risultato che abbiamo stabilito e che desideri discutere con me?”
  • In ritardo agli appuntamenti – “Ho notato che in genere sei in ritardo di 5-10 minuti per la nostra sessione. Vorrei assicurarmi che stiamo ottenendo il meglio dal nostro tempo che passiamo assieme, quindi ti piacerebbe rischedulare la sessione o c’è qualcos’altro che posso fare per supportarti?”
  • Commissioni non pagate – “Noto che l’ultima fattura non è stata pagata. Ci sono delle criticità in merito a questo o vorresti che concordassimo un formato diverso?”

Ogni sfida o conversazione difficile è un’opportunità per entrare in modalità coach e appoggiarsi alla competenza al fine di stabilire o mantenere un accordo.

Nel webinar approfondiamo ciò che un coach potrebbe dire per onorare ogni sezione di questa competenza. Come per tutti i nostri webinar, puoi trovarli sull’app per smartphone degli ex studenti.

Qual è il tuo prossimo passo?

Da ciò che abbiamo trattato in questo articolo, o se hai guardato il webinar, quali 2 cose aggiungerai ora al tuo contratto o migliorerai nel tuo contratto?

Alan Brereton

BA PG Dip

Coach accreditato ICF

Testo integrale di questa competenza ICF.

 

Testo completo di questa competenza ICF: Co-creare la Relazione

3 – Stabilisce e mantiene gli accordi: collabora con il cliente e le parti interessate per creare accordi chiari sulla relazione, sul processo, sui piani e sugli obiettivi di coaching. Stabilisce accordi per l’intero percorso di coaching così come quelli per ogni sessione di coaching.

  1. Spiega cos’è il coaching e cosa non è e descrive il processo al cliente e alle parti interessate.
  2. Raggiunge un accordo su ciò che è e non è appropriato nella relazione, ciò che viene e non viene offerto e le responsabilità del cliente e delle parti interessate.
  3. Raggiunge un accordo sulle linee guida e sui parametri specifici della relazione di coaching come logistica, commissioni, programmazione, durata, cessazione, riservatezza e inclusione di altri.
  4. Collabora con il cliente e le parti interessate per stabilire un piano generale e gli obiettivi di coaching.
  5. Collabora con il cliente per determinare la compatibilità fra cliente e coach.
  6. Collabora con il cliente per identificare o riconfermare ciò che si vuole realizzare nella sessione.
  7. Collabora con il cliente per definire cosa crede sia necessario considerare o risolvere per raggiungere ciò che desidera nella sessione.
  8. Collabora con il cliente per definire o riconfermare le modalità di misurazione dei risultati rispetto a ciò che il cliente vuole raggiungere nel percorso di coaching o nella sessione individuale.
  9. Collabora con il cliente per gestire il tempo e il focus della sessione.
  10. Porta avanti il coaching nella direzione del risultato desiderato dal cliente, a meno che il cliente non indichi diversamente.
  11. Collabora con il cliente per terminare la relazione di coaching in modo da celebrare l’esperienza.

POTREBBE INTERESSARTI

Incarnare una mentalità da coach

Incarnare una mentalità da coach

Una nuova ed importante competenza è stata aggiunta alle Competenze fondamentali di ICF, pubblicate a novembre 2019, e cioè incarna il coaching mindset.   Investire su te stesso in qualità di coach è della massima importanza poiché l'industria del coaching continua a...

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

A livello globale, i motivi più frequentemente citati per la partecipazione ad un programma di coaching sono stati: il ​​miglioramento delle capacità comunicative (37%),  seguito dal miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata  e dall'aumento...

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

A cura del professor David Clutterbuck Un documento fondamentale sulle funzioni di leadership identifica 15 funzioni suddivise in due fasi mutuamente dipendenti dell'attività del team (Morgeson et al, 2009). La prima fase, denominata transizione, consiste in attività...