Quando è il momento per un cliente di andare avanti

by | Apr 13, 2022 | Futuro, Idee, Mentoring

A cura del professor David Clutterbuck

Il mentoring è tutto basato sulle transizioni: prevederle, prepararsi, gestirle e andare avanti grazie ad esse. Ma i mentee spesso non riconoscono quanto siano pronti per una transizione (cambiamento). È un po’ come quando siamo diventati troppo grandi per indossare i nostri vestiti, ma non facciamo nulla al riguardo e cerchiamo di stringerci in essi per non doverli cambiare! È utile per un mentor avere alcuni strumenti nella propria cassetta degli attrezzi per rendere il processo di transizione più trasparente. Eccone alcuni che uso quando serve.

sessione di mentoring - mentor e mentee

Curve delle competenza e dell’energia

Quando le persone iniziano in un nuovo ruolo lavorativo, di solito si trovano su una curva di apprendimento ripida e questo apprendimento può continuare mentre assimilano ulteriori responsabilità. Alla fine, tuttavia, si avvicinano alla parte superiore della curva a campana, dove saranno al loro massimo, per un certo periodo di tempo. L’apprendimento nella parte superiore della curva è incrementale e deriva principalmente dall’applicazione delle loro competenze e conoscenze a compiti che hanno alcuni aspetti nuovi, ma sono in gran parte prevedibili. Questo periodo in cima alla curva può essere piuttosto breve (ho avuto allievi, per i quali è durata solo alcune settimane), prima che entrino in modalità “discesa”, dove il lavoro offre poche sfide. A volte compensano cercando sfide in altre aree, al di fuori del loro ruolo lavorativo formale, ad esempio prendendo parte a team di progetto. Ma la cruda verità è che quando il loro ruolo ha perso il suo potenziale di apprendimento, hanno anche perso la loro energia in questo ambito.

Una strategia più sensata è quella di monitorare dove ti trovi sulla curva a campana. Il momento di agire è quando le montagne russe iniziano a rallentare mentre ci si avvicina alla cima. Le due opzioni più costruttive a questo punto sono creare una nuova curva a campana estendendo il ruolo attuale in nuove importanti responsabilità o per passare ad un’altra curva a campana separata in un’area meno connessa.

I mentor possono aiutare in questo processo nel:

  • Fornire feedback sui livelli di energia percepiti quando il mentee parla del proprio ruolo lavorativo;
  • Rivedere con  il mentee  l’equilibrio tra nuovo apprendimento, apprendimento applicato e la discesa nella curva che l’allievo sta vivendo (dov’è la sfida?);
  • Aumentare la consapevolezza del mentee su quanto velocemente può avvenire il rallentamento dell’apprendimento, in modo che possano monitorare dove si trova sulla curva;
  • Aiutare  il mentee a pianificare come si lancerà su una nuova curva a campana, con o senza lavori in movimento;

Quando c’è chiarezza è il momento di andare avanti…

Tre processi di pianificazione possono essere preziosi qui. Il primo è la “lista dei desideri” del mentee – le cose che vogliono ancora ottenere prima di andare avanti. Le domande utili sul mentoring qui includono:

  • Per quale motivo questo obiettivo è così importante per te, e in quale modo desideri raggiungerlo?
  • Hai bisogno di raggiungerlo completamente, o semplicemente desideri gettare le basi, al fine di individuare il tuo successore? (L’ego può svolgere un ruolo importante qui, portando le persone a rimanere in un ruolo troppo a lungo!)
  • Dopo aver identificato il problema, sei davvero la persona migliore per risolverlo?

Il secondo processo è “lasciar andare“. Tutti noi accumuliamo compiti che avremmo potuto delegare e / o che hanno perso il loro potenziale di apprendimento. Identificarli e lasciarli andare può accelerare il progresso lungo la curva a campana, ma rilascia anche tempo ed energia che il mentee può investire nella creazione della curva successiva. È stato paragonato alla pulizia della soffitta e in effetti un modo per identificare i problemi per questo processo è disegnare un’immagine con compiti, attività e responsabilità come scatole in una soffitta immaginaria.

Il terzo processo è l’eredità del mentee – ciò che vogliono lasciare dietro di sé. Alcune persone sembrano essere ossessionate dalla loro eredità dal momento in cui iniziano un ruolo di leadership. Non è salutare, ma guardare a ciò che vorresti lasciarti alle spalle, quando ti stai preparando ad andare avanti, può essere molto catartico e in genere porta le persone a concentrarsi su ciò che è importante, non solo per se stessi, ma per l’organizzazione. Parlare della propria eredità con un mentor apre il potenziale per condividerla con i collaboratori diretti e altre parti interessate e per ottenere il loro impegno e supporto.

I mentor possono aiutare i mentee a riflettere e creare un documento di lavoro per affrontare ciascuno di questi problemi. Possono sfidare le motivazioni e le ipotesi del mentee e aiutarli a cercare la prossima curva a campana. E possono essere lì, a sostenerci sullo sfondo, mentre inizia la ripida salita di quella nuova curva di apprendimento.

 

 

 

POTREBBE INTERESSARTI

ROF Return On Feeling nelle organizzazioni

ROF Return On Feeling nelle organizzazioni

a cura di Fabio Garganego Quando vuoi implementare un nuovo progetto, una nuova idea nella tua organizzazione o con il tuo team, su cosa ti concentri? Ti focalizzi sul ROI, sul ROE o... sul ROF? Ma cosa significa ROF? Quante volte inizi o finisci una riunione...

Il Coach – Mentor

Il Coach – Mentor

Quanto è chiara la differenza tra coaching e mentoring? Ed ai tuoi clienti? Cos'è il coaching e cos'è il mentoring? Come può aiutarmi un mentor? Qual è l'opzione migliore per me? Nei libri, in molti articoli e sui post possiamo trovare diverse definizioni ed...

Eppur si muove

Eppur si muove

Eppur si muove. È una frase attribuita a uno dei più famosi matematici e fisici italiani: Galileo Galilei. Questa frase era collegata alla sua forte convinzione che la Terra si muovesse intorno al Sole. Quando inizio la conversazione con un nuovo potenziale futuro...

Introduzione al coaching e al mentoring

Workshop GRATUITO

Il Workshop gratuito, tenuto da uno dei nostri coach e docenti esperti qualificato PCC ICF ed EMCC, si svolgerà in modalità online. Scopri di più sulla professione del coaching, su come funziona il processo di ottenimento della qualifica con ICF e EMCC e impara ad usare un modello di coaching/mentoring che insegniamo durante il Diploma. Un ottimo punto di partenza per la formazione di coach, manager e leader.