Quando è il momento per un cliente di andare avanti

by | Apr 13, 2022 | Futuro, Idee, Mentoring

A cura del professor David Clutterbuck

Il mentoring è tutto basato sulle transizioni: prevederle, prepararsi, gestirle e andare avanti grazie ad esse. Ma i mentee spesso non riconoscono quanto siano pronti per una transizione (cambiamento). È un po’ come quando siamo diventati troppo grandi per indossare i nostri vestiti, ma non facciamo nulla al riguardo e cerchiamo di stringerci in essi per non doverli cambiare! È utile per un mentor avere alcuni strumenti nella propria cassetta degli attrezzi per rendere il processo di transizione più trasparente. Eccone alcuni che uso quando serve.

sessione di mentoring - mentor e mentee

Curve delle competenza e dell’energia

Quando le persone iniziano in un nuovo ruolo lavorativo, di solito si trovano su una curva di apprendimento ripida e questo apprendimento può continuare mentre assimilano ulteriori responsabilità. Alla fine, tuttavia, si avvicinano alla parte superiore della curva a campana, dove saranno al loro massimo, per un certo periodo di tempo. L’apprendimento nella parte superiore della curva è incrementale e deriva principalmente dall’applicazione delle loro competenze e conoscenze a compiti che hanno alcuni aspetti nuovi, ma sono in gran parte prevedibili. Questo periodo in cima alla curva può essere piuttosto breve (ho avuto allievi, per i quali è durata solo alcune settimane), prima che entrino in modalità “discesa”, dove il lavoro offre poche sfide. A volte compensano cercando sfide in altre aree, al di fuori del loro ruolo lavorativo formale, ad esempio prendendo parte a team di progetto. Ma la cruda verità è che quando il loro ruolo ha perso il suo potenziale di apprendimento, hanno anche perso la loro energia in questo ambito.

Una strategia più sensata è quella di monitorare dove ti trovi sulla curva a campana. Il momento di agire è quando le montagne russe iniziano a rallentare mentre ci si avvicina alla cima. Le due opzioni più costruttive a questo punto sono creare una nuova curva a campana estendendo il ruolo attuale in nuove importanti responsabilità o per passare ad un’altra curva a campana separata in un’area meno connessa.

I mentor possono aiutare in questo processo nel:

  • Fornire feedback sui livelli di energia percepiti quando il mentee parla del proprio ruolo lavorativo;
  • Rivedere con  il mentee  l’equilibrio tra nuovo apprendimento, apprendimento applicato e la discesa nella curva che l’allievo sta vivendo (dov’è la sfida?);
  • Aumentare la consapevolezza del mentee su quanto velocemente può avvenire il rallentamento dell’apprendimento, in modo che possano monitorare dove si trova sulla curva;
  • Aiutare  il mentee a pianificare come si lancerà su una nuova curva a campana, con o senza lavori in movimento;

Quando c’è chiarezza è il momento di andare avanti…

Tre processi di pianificazione possono essere preziosi qui. Il primo è la “lista dei desideri” del mentee – le cose che vogliono ancora ottenere prima di andare avanti. Le domande utili sul mentoring qui includono:

  • Per quale motivo questo obiettivo è così importante per te, e in quale modo desideri raggiungerlo?
  • Hai bisogno di raggiungerlo completamente, o semplicemente desideri gettare le basi, al fine di individuare il tuo successore? (L’ego può svolgere un ruolo importante qui, portando le persone a rimanere in un ruolo troppo a lungo!)
  • Dopo aver identificato il problema, sei davvero la persona migliore per risolverlo?

Il secondo processo è “lasciar andare“. Tutti noi accumuliamo compiti che avremmo potuto delegare e / o che hanno perso il loro potenziale di apprendimento. Identificarli e lasciarli andare può accelerare il progresso lungo la curva a campana, ma rilascia anche tempo ed energia che il mentee può investire nella creazione della curva successiva. È stato paragonato alla pulizia della soffitta e in effetti un modo per identificare i problemi per questo processo è disegnare un’immagine con compiti, attività e responsabilità come scatole in una soffitta immaginaria.

Il terzo processo è l’eredità del mentee – ciò che vogliono lasciare dietro di sé. Alcune persone sembrano essere ossessionate dalla loro eredità dal momento in cui iniziano un ruolo di leadership. Non è salutare, ma guardare a ciò che vorresti lasciarti alle spalle, quando ti stai preparando ad andare avanti, può essere molto catartico e in genere porta le persone a concentrarsi su ciò che è importante, non solo per se stessi, ma per l’organizzazione. Parlare della propria eredità con un mentor apre il potenziale per condividerla con i collaboratori diretti e altre parti interessate e per ottenere il loro impegno e supporto.

I mentor possono aiutare i mentee a riflettere e creare un documento di lavoro per affrontare ciascuno di questi problemi. Possono sfidare le motivazioni e le ipotesi del mentee e aiutarli a cercare la prossima curva a campana. E possono essere lì, a sostenerci sullo sfondo, mentre inizia la ripida salita di quella nuova curva di apprendimento.

 

 

 

POTREBBE INTERESSARTI

Incarnare una mentalità da coach

Incarnare una mentalità da coach

Una nuova ed importante competenza è stata aggiunta alle Competenze fondamentali di ICF, pubblicate a novembre 2019, e cioè incarna il coaching mindset.   Investire su te stesso in qualità di coach è della massima importanza poiché l'industria del coaching continua a...

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

A livello globale, i motivi più frequentemente citati per la partecipazione ad un programma di coaching sono stati: il ​​miglioramento delle capacità comunicative (37%),  seguito dal miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata  e dall'aumento...