Il programma di Leadership Coaching presso la Wits Business School in Sud Africa diventa virtuale

by | Sep 13, 2021 | Strumenti di coaching

La pandemia ci ha spinto a superare gli ostacoli che ci eravamo autoimposti e ad abbracciare maggiormente le tecnologie che erano già a nostra disposizione

“La teoria della crisi, Slaikeu (1990), postula che una crisi crea squilibrio e al contempo un’occasione, un’opportunità per ristabilire l’equilibrio a un livello di funzionamento più elevato rispetto a prima della crisi.”

La riluttanza sia del coach che del coachee a fare qualcosa di diverso dal coaching faccia a faccia prima della pandemia, ci ha portato ad esaminare le nostre convinzioni su come e dove vengono svolte le conversazioni di coaching. Jessica Reekie descrive il processo di adattamento e transizione  alla gestione delle conversazioni di coaching  e  all’erogazione di corsi di formazione online.

Smiling girl with the computer

Il Programma di Leadership Coaching presso la Wits Business School  (WBS) di Johannesburg, in Sud Africa, è stato avviato dalla dott.ssa Viveka Christierson nel 2009. Il concetto è semplice ma molto efficace,  gli alumni MBA WBS sono invitati a completare un breve corso di coaching di leadership efficace ed etico e, in cambio, fungono da mentor coach per gli attuali studenti dell’MBA.

Il programma ha riscosso un grande successo tra gli alumni del MBA che oltre ad aver avuto l’opportunità di apprendere una nuova competenza (abilità), hanno avuto anche la possibilità di praticarla con gli studenti del master. Inoltre, offre agli alumni-coach l’opportunità di offrire qualcosa in cambio alla prossima generazione di leader e manager in Sud Africa. Gli  alumni del MBA sono stati invitati a fare del volontariato in qualità di coach su base continuativa dove apprendono quanto sia importante fare il volontariato, migliorando il loro benessere emotivo (Elias,Sudhir  &  Mehrotra,  2016) e migliorando al contempo le proprie capacità di coaching. Dal punto di vista della business school, il programma ha lo scopo di rafforzare i legami con i loro  alunni del MBA e fornire anche agli studenti del master l’opportunità di ricevere un programma di coaching a sostegno dello sviluppo della propria leadership.

Il programma include anche un workshop di sviluppo della leadership di un giorno in cui agli studenti del MBA viene data l’opportunità di riflettere sui propri obiettivi futuri. 

Quest’anno, i workshop di sviluppo della leadership si sono tenuti con  tre classi del MBA,  a febbraio e all’inizio di marzo. Come al solito, questi si  sono svolti in un’aula,  presso il campus Business  School  a Parktown, Johannesburg. La formazione dei coach era prevista per la fine di marzo, sempre in un’aula, nel  campus e le assegnazioni dei coach dovevano essere fatte all’inizio di aprile. Come il resto del mondo, non avevamo  previsto  “che l’interruzione delle nostre vite era proprio dietro l’angolo”. Il 23  marzo, il Sudafrica  è stato  sottoposto  a un rigoroso  lockdown e tutte le attività non essenziali sono state vietate a causa della pandemia legata al Covid-19. Come docente e direttore del programma, mi sono trovata di fronte a una scelta netta: convertire il programma di coaching in modalitá virtuale online o  annullarlo.

Come molti insegnanti ed educatori che operano in tutto il mondo, ho scoperto rapidamente che convertire il programma di formazione in modalità online richiederebbe una revisione del materiale didattico e un corso intensivo su come gestire una classe utilizzando le tecnologie disponibili. Come hanno sperimentato tanti altri genitori che lavorano, il compito è stato più arduo a causa della chiusura della scuola e della mancanza del servizio all’infanzia su cui facevo affidamento,  per poter lavorare. Dopo aver sperimentato l’intero ciclo delle fasi del dolore e della perdita di Kübler-Ross e Kessler (2014): negazione, rabbia, contrattazione, depressione e infine accettazione (DABDA), sono riuscita a raccogliere ed accumulare sufficiente energia. Il materiale è stato preparato e la classe è stata nuovamente invitata a frequentare il corso, ora erogato online tramite Zoom.

Con mia sorpresa e gioia, la consegna virtuale online  è andata incredibilmente bene e molte delle preoccupazioni previste sull’insegnamento online erano infondate. Le “stanze virtuali” ovvero le “breakout room” di Zoom hanno funzionato benissimo per gli esercizi pratici di coaching per piccoli gruppi e l’aula con il video attivo “video on” ha iniziato ad avere lo stesso senso di coinvolgimento e cameratismo tra i compagni di classe che normalmente si sperimenta in classe.

Poi c’erano i vantaggi aggiuntivi di non dover combattere il traffico per arrivare in classe, o di passare troppo tempo a vestirsi in abiti da lavoro per andare alla business school. Infatti, poiché è visibile solo la parte superiore, nessuno potrerbbe verificare se indossi la tua camicia da lavoro intelligentemente abbinata alle tue scarpe da passeggio e ai pantaloni della tuta! Il risparmio di tempo è infatti solo uno dei risparmi che l’istruzione  online offre. Altri costi come la stampa del materiale del corso, la prenotazione della sede e il catering non sono più un vero costo, con un notevole risparmio per  il programma  complessivo. Un altro vantaggio è stato scoperto quando ho inviato l’invito agli alumni del MBA a fare domanda per la seconda classe di coaching, che sarebbe stata offerta esclusivamente online a causa della pandemia in corso. Gli alumni del MBA WBS residenti in altre parti del paese e anche in altre parti del mondo tra cui America, Mauritius e Emirati Arabi Uniti che in precedenza erano stati esclusi dalla partecipazione a causa dell’obbligo di presenza in persona, erano ora in grado di far parte del programma di coaching.

Non lasciare mai che una buona “crisi” vada sprecata

Il successo del corso di coaching online mi ha portato a riflettere a lungo e profondamente sul mio sviluppo come coach che ha portato a ricerche online di programmi disponibili per la consegna virtuale. Dopo aver esaminato e confrontato diversi corsi e programmi in tutto il mondo, ho trovato il Diploma Avanzato in Personal, Leadership ed Executive Coaching del Kingstown College, che sarebbe iniziato a giugno. Il corso  soddisfaceva ampiamente tutti i miei criteri di valutazione che un corso di coaching richiedeva ed era di gran lunga meglio organizzato rispetto agli altri. Ho convinto mio marito, Barclay,  a iscriversi con me e abbiamo intrapreso assieme l’intenso percorso di apprendimento.

Nel momento in cui mi sono iscritta al corso del Kingstown College, le mie aspettative sono state superate. Dal notevole supporto e orientamento al servizio da parte dello staff del Kingstown College alla  conoscenza,  all’esperienza e alla competenza della scuola. Sono molto grata per l’opportunità di partecipare a questo programma. L’esperienza ha ampliato la mia prospettiva in termini di lavoro globale e opportunità di apprendimento, che credo saranno utili anche dopo la pandemia. 

Una delle abilità importanti che impariamo come coach è quella di consentire ai nostri coachee di capire che non è ciò che ci accade, ma il nostro atteggiamento nei suoi confronti, che influenza la nostra esperienza in merito agli eventi  e, in definitiva, la responsabilità che ci assumiamo per la nostra risposta (Frankle, 1959). Non c’è dubbio che la pandemia globale di Covid-19, sia un evento tragico con così tante vite umane perse e l’impatto devastante su economie e imprese, si farà sentire per molto tempo. Tuttavia, non c’è dubbio che la pandemia ci abbia spinto a  superare gli ostacoli che ci eravamo autoimposti e ad abbracciare maggiormente le tecnologie che erano già a nostra disposizione. Di conseguenza,  la barriera di localizzazione geografica per molte attività è stata notevolmente ridotta

Coaching e formazione: disagi ed opportunità

Le professioni sia dell’istruzione che del coaching saranno permanentemente cambiate da questo evento globale (Lancefield, Cable, & Clarke, 2019; Kandri, 2020; Prince, 2020, University World News, 2020).  Prima del Covid-19, c’era una riluttanza sia da parte dei coach che dei coachee nel programma di coaching del Master,  in Sud Africa, a fare qualcosa di diverso dal coaching faccia a faccia. La riluttanza sembrava derivare dalla convinzione che il rapporto, la fiducia nel coach e nella relazione di coaching e la sicurezza psicologica richiesta per una conversazione così personale e intima, non potessero essere creati efficacemente utilizzando lo schermo di un computer e la connessione Wi-Fi . La pandemia ha chiaramente dimostrato che questa è una convinzione limitante e che le sessioni di coaching online possono essere efficaci quanto le sessioni di coaching faccia a faccia  (Berry, Ashby, Gnilka, Matheny, 2011; Kraus,  2017). Allo stesso modo,  un’altra convinzione limitante è che noi e i nostri clienti di coaching dobbiamo vivere nella stessa città o addirittura paese.

La fase conclusiva del dolore o della perdita è stata descritta da come trovare un significato nella perdita (DABDA-M) (Kessler, 2019). Ho trovato un significato nella crisi di questa  pandemia;  vedendola  come un’opportunità per  rivalutare la mia vita da una prospettiva diversa. Mi ha spinto ad intraprendere azioni che espandono i miei comportamenti sia durante la pandemia sia dopo quando sarà finita. La teoria della crisi, Slaikeu (1990), postula che una crisi crea squilibrio e al contempo un’occasione, un’opportunità per ristabilire l’equilibrio a un livello di funzionamento più elevato rispetto a prima della crisi.

Trovare l’opportunità nella crisi 

Dal momento che la pandemia globale ha provocato un’enorme crisi e perdite per tutti noi, in che modo sei in grado di trovare in essa l’opportunità ed il significato per la tua vita? Sei disposto a rivedere in modo critico le tue convinzioni sul coaching online per sfruttare le opportunità offerte? Quali ipotesi e presupposti liberatori puoi sostituire a quelli limitanti che potresti avere? Ci sono competenze che devi sviluppare per poter sfruttare questa opportunità?

Chi è Jessica REEKIE

Jessica ReekieJessica ha conseguito un master in psicologia presso la Wits University, a Johannesburg, in Sud Africa, un MBA e un certificato post master in Leadership Coaching (CPLC) presso la Wits Business School (WBS). È la direttrice del programma di certificazione in Leadership Coaching che forma gli alumni del MBA per far coaching agli studenti del MBA. Gestisce il master in Leadership Development Coaching Programme presso WBS.

Jessica è una professionista dello sviluppo della leadership in uno studio privato e aiuta gli altri a raggiungere il proprio potenziale da oltre vent’anni. Ha lavorato in vari ruoli nel settore bancario per quindici anni prima di aprire il proprio studio nel campo dello sviluppo personale.

Referenze

Berry, R., Ashby, J., Gnilka, P., Matheny, K. (2011) Un confronto tra pratiche di coaching faccia a faccia e a distanza: percezioni dei coach del ruolo dell’alleanza di lavoro nella risoluzione dei problemi, Consulting Psychology Journal: Practice and Research, https://www.researchgate.net/publication/232543820_A_comparison_of_face-to-face_and_distance_coaching_practices_Coaches’_perceptions_of_the_role_of_the_working_alliance_in_problem_resolution, consultato online, 19 ottobre 2020

Elias, JK, Sudhir, P. & Mehrotra, S (2016) Impegno a lungo termine nel volontariato formale e benessere: uno studio esplorativo indiano, Behav Sci (Basilea). Dicembre 2016; 6(4): 20, Pubblicato online 2016 Set 27. DOI: 10.3390/BS6040020, PMCID: PMC5197933, PMID: 27690114, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5197933/

Frankle, V. (1959) La ricerca di significato dell’uomo

Kandri, S. (2020) Come Covid-19 sta innescando una rivoluzione nell’istruzione superiore. 

https://www.weforum.org/agenda/2020/05/how-covid-19-is-sparking-a-revolution-in-higher-education/

Kessler, D. (2019) Finding Meaning: The Sixth Stage of Grief, Random House

Kraus, M.W. (2017) American Psychological Association, 2017, Vol. 72, No. 7, 644 – 654 Voice-Only Communication Enhance Empathic Accuracy, doi: 10.1037/amp0000147; https://www.apa.org/pubs/journals/releases/amp-amp0000147.pdf

Kübler-Ross, E & Kessler, D (2014) Sul dolore e il lutto: trovare il significato del dolore, attraverso le cinque fasi della perdita

Lancefield, D., Cable, D. and Clarke, D (2019) How technology is transforming coaching https://hbr.org/2019/11/how-technology-is-transforming-executive-coaching, consultato il 15 ottobre 2020

Norman, C. (2018) The virtues of virtual coaching, https://coachfederation.org/blog/virtues-virtual-coaching, consultato online, 19 ottobre 2020.

Prince, V. (2020) Executive Coaching in un mondo COVID: 5 previsioni, https://www.linkedin.com/pulse/executive-coaching-covid-world-victor-prince/?trk=portfolio_article-card_title

Slaikeu, K. A. (1990). Intervento in crisi: un manuale per la pratica e la ricerca (2a ed.). Allyn & Bacon.

Università di Zurigo (2013) Psicoterapia via internet buona come se non migliore delle consultazioni faccia a faccia,  https://www.sciencedaily.com/releases/2013/07/130730091255.htm

University World News (2020), https://www.universityworldnews.com/page.php?page=UW_Main

POTREBBE INTERESSARTI