Il metodo di coaching SPOT

by | Jul 9, 2021 | Strumenti di coaching

James McLeod illustra come, in qualità di coach, puoi aiutare ad accelerare l’apprendimento per i tuoi coachee attraverso il processo di speed coaching.

“Una sfida regolare è trovare il tempo per fare da coach ed essere clienti (coachee) quando le circostanze cambiano così velocemente e gli obiettivi devono essere ricalibrati rapidamente “

Viviamo in tempi interessanti. A-normale è la nuova normalità. Mentre riflettiamo su come utilizzare al meglio l’approccio del coaching per aiutare gli altri, il framework di coaching SPOT è qualcosa da inserire nel tuo kit di strumenti.

In sostanza il metodo di coaching SPOT ti darà:

  • Un metodo per aiutare i tuoi clienti a trovare una rapida risoluzione intorno a barriere e blocchi
  • Un modo per sfruttare le opportunità e aumentare lo slancio attorno alle iniziative che stanno andando bene

Una sfida regolare è trovare il tempo per allenare ed essere istruiti quando le circostanze cambiano così velocemente e gli obiettivi devono essere ricalibrati rapidamente. In tempo di pandemia, v’è una sorta di paradosso. Sempre più persone hanno sentito la necessità di raggiungere e adeguare il proprio modo di comportarsi, ma le organizzazioni non hanno, in linea di massima, creato strutture che consentano ai dipendenti a tutti i livelli di beneficiare dell’etica del coaching dell’apprendimento e della scoperta di sé.

“L’idea è di portare rapidamente il cliente in un luogo in cui può visualizzare chiaramente cosa gli sta succedendo”

Il metodo SPOT si concentra su cinque pilastri fondamentali:

  • Impostazione rapida degli obiettivi
  • Costruire piani a breve termine
  • Chiarire e analizzare le opzioni
  • Pianificazione dell’azione incentrata sulla soluzione
  • Monitoraggio degli impatti e misurazione dei risultati

È principalmente uno strumento di coaching aziendale focalizzato al meglio sui clienti che sono disposti, capaci e pronti per una conversazione di coaching. Si concentra anche sulla premessa che il cliente ha un obiettivo chiaro e presente piuttosto che su qualcuno che è “bloccato” ed è in una modalità di ridefinizione totale.

In questo spirito, ho definito il coaching SPOT come:

“Un intervento di coaching tempestivo e informale (di solito con una durata massima di 20 minuti) per aiutare un coachee ad andare avanti su una questione/obiettivo su cui sta cercando chiarezza, conferma, un nuovo modo di procedere o una cassa di risonanza”

È mia convinzione che ci siano molti dipendenti in contesti aziendali che sono molto motivati ​​e competenti che sarebbero lieti di avere l’opportunità di partecipare a questo tipo di intervento di coaching.

L’acronimo SPOT sta per:

S → Set a goal (definire gli obiettivi)

P → Work on a short Plan (lavorare su un piano a breve termine)

O → Clarify options (chiarire le opzioni)

T → Take action (agire)

1. DEFINIRE GLI OBIETTIVI

La prima parte del modello mira ad aiutare il nostro cliente a fissare un obiettivo. L’idea è di portare rapidamente il cliente in un luogo in cui può visualizzare chiaramente cosa gli sta succedendo. Ciò richiede di porre potenti domande di coaching come:

  • Qual è il problema specifico, circostanza od obiettivo che vuoi affrontare/discutere con me?
  • A che punto sei in questo momento con questo obiettivo?
  • Dove vuoi arrivare con questo obiettivo?
  • In che modo posso aiutarti /Qual è il mio ruolo nell’aiutarti a raggiungere questo obiettivo?
  • Come riesci a capire se e quando ti stai muovendo nella giusta direzione?
  • Quale sarà il primo segno o indicatore?
  • Che cosa ti motiva nel farlo?
  • Cosa ti ha impedito di perseguire questo obiettivo finora?

L’idea alla base di tutte queste domande è quella di consentire al tuo cliente di chiarire rapidamente il suo pensiero, e a te, in qualità di coach, di valutare come puoi aiutare al meglio il cliente con la qualità, la profondità e l’ampiezza del suo pensiero.

2. LAVORARE SU UN PIANO A BREVE TERMINE

La seconda parte del modello mira ad aiutare il cliente a lavorare su un piano a breve termine. L’idea è di cercare di far immaginare al cliente una scadenza ravvicinata entro la quale deve essere predisposto il piano. Una metafora per questo è “Se la marea sta salendo e l’auto è bloccata nella sabbia sulla spiaggia, non c’è molto tempo per riflettere e un piano deve essere fatto e attuato rapidamente”.

Le domande efficaci da porre in questa fase sono:

  • Quali sono i tuoi elementi costitutivi principali?
  • Di quale supporto hai bisogno?
  • Quale potrebbe essere il primo passo che desideri intraprendere?
  • Che aspetto ha la tua prima azione?
  • Portami attraverso la tua scala di sequenza, 1-5. 1 è dove sei ora e 5 è dove vuoi essere (Sii il più specifico possibile nell’illustrazione del tuo caso reale):

1 – Cosa sta succedendo qui? – (Dove sei adesso?)

2 – Cosa sta succedendo qui? _________________ (step intermedio)

3 – Cosa sta succedendo qui? _________________ (step intermedio)

4 – Cosa sta succedendo qui? _________________ (step intermedio)

5 – Cosa sta succedendo qui? (Dove sarai quando raggiungerai il tuo obiettivo?)

L’idea alla base della scala di sequenza è quella di suddividere il piano in blocchi di dimensioni in byte in modo che vengano costantemente intraprese piccole azioni verso l’obiettivo e il piano sia sempre in perpetuo movimento. Mi piace spiegare mini passaggi d’azione ripetuti spesso con la metafora della vasca da bagno. Quando si riempie la vasca con un rubinetto che gocciola, all’inizio non succede molto, ma con il tempo la vasca si riempirà. La parte fondamentale di questo passaggio è garantire che il cliente abbia un piano per continuare ad andare avanti e mantenere una direzione di marcia con spazio per adeguamenti del percorso ove necessario e appropriato.

3. CHIARIRE LE OPZIONI

La fase successiva del piano è aiutare il cliente a chiarire le proprie opzioni. Le domande catalitiche da porre in questa fase del processo sono:

  • Portami attraverso la tua gamma di opzioni …. Cosa ti viene in mente?
  • Cosa hai provato in  passato che funzionasse in situazioni simili?
  • Cosa hai visto fare ad altri ed é risultato essere efficace?
  • Quali saranno le probabili conseguenze e gli impatti di ciascuna opzione?
  • Quale pensi potresti provare per prima?
  • Cosa faresti se la tua iniziativa sarà un successo?

Cerca di assicurarti che il tuo cliente abbia almeno due opzioni da considerare prima di passare all’ultima fase del modello che è la fase dell’azione.

4. AGIRE

Le domande di azione da porre sono:

  • Cosa farai adesso?
  • Qual è il tuo primo passo?
  • Come misurerai il successo / il corretto raggiungimento del passo?
  • A chi pensi di poter rendere conto? Chi sarà il tuo partner responsabile?
  • Come stai monitorando gli impatti e le conseguenze di questa azione?
  • Quando ci incontriamo nuovamente, cosa ti aspetti che sia successo?

L’idea è di assicurarsi che il cliente se ne vada con un’azione tangibile, per quanto piccola, su cui iniziare a lavorare. Una volta che “la palla inizia a rotolare giù per la collina …” , è notevole quello che può accadere nel tempo. Il cliente aveva bisogno del vostro sostegno per dare loro il tempo e lo spazio in un neutrale impostazione per verbalizzare e sfidare il loro pensiero e far rimbalzare idee fuori di un supporto e non giudicante persona . Questo spazio è quello che ha scatenato il loro potenziale di pensare e ha preso la conversazione verso il basso i percorsi produttivi a reparti di crescita.

Le sessioni SPOT non dovrebbero durare più di 20 minuti. In qualità di coach, spetterà a te instillare la disciplina del tempo nel processo. L’idea non è che gli incarichi di coaching SPOT siano una tantum. Possono essere tenuti regolarmente come le sessioni classiche. La differenza è sulla durata di ogni singola sessione, da cui il termine, SPOT coaching.

Altri termini che vengono utilizzati per questo tipo di intervento di coaching sono flash coaching o laser coaching. L’ aspettativa da impostare qui con il tuo cliente è che ti incontrerai di nuovo per un’altra sessione SPOT, ma solo quando avranno completato le azioni e i follow-up concordati e saranno pronti a lavorare attraverso nuovi passaggi per un’ulteriore crescita.

Nella mia esperienza, il coaching SPOT non funzionerà in tutti gli scenari di coaching come menzionato in precedenza nell’articolo. Il coaching trasformativo, olistico e compassionevole in cui un individuo sta attraversando cambiamenti quantici nel modo in cui pensa, sente e agisce nel mondo richiede impegni più lunghi e periodi di riflessione. In questi scenari, diamo ai nostri clienti il ​​tempo e lo spazio per riflettere sui loro pensieri, convinzioni, sentimenti, senso di identità e su come interagiscono sia con se stessi che con il mondo esterno.

Il coaching SPOT rientra più nel dominio di : ‘ Ho una sfida – Come potrò sfruttare le mie conoscenze, abilità, attitudini e reti per avere successo con qualsiasi sfida immediata che sto affrontando?

Il principio è lo stesso, però. ‘ Ho bisogno di pensare per me stesso e tornare indietro per trovare le risposte dentro di me…ma per fare questo, voglio un coach come partner pensante che illumini il mio percorso ‘ .

I tipici scenari di coaching ti tipo SPOT sono:

  • Scadenze legate a progetti
  • Conflitti nel team
  • Altri problemi di gestione dei conflitti
  • Sfide generali delle persone
  • Segnalazione della motivazione intrinseca
  • Problemi di gestione del tempo e problemi di definizione delle priorità
  • Sovraccarico di lavoro
  • Assertività e ricerca di modi efficaci per “dire la verità al potere”
  • Trappole per pensare
  • Ripetere gli errori e non rispondere bene ai feedback costruttivi
  • Come poter dare un feedback costruttivo agli altri
  • Problemi di gestione dei collaboratori ad esempio quando sei responsabile di una risorsa ad alto rendimento con una bassa capacità di comunicare bene con gli altri
  • Ottenere la motivazione e un metodo per smettere di evitare le conversazioni difficili
  • Prepararsi per le valutazione delle prestazioni
  • Preparazione di un colloquio di lavoro
  • Modelli di obiettivi carenti e scadenze non rispettate
  • Capacità di persuadere e influenzare senza autorità o mandato formale
  • Sapersi relazionare con i manager in modo efficace

In tempi di VUCA richiedono soluzioni creative e modi innovativi per aiutare i nostri clienti a realizzare il loro pieno potenziale e trovare il proprio “flusso”. Credo che il metodo di coaching SPOT sia un solido strumento per la crescita crescita ed il raggiungimento dei risultati. Ti invito a praticare questo metodo con i tuoi clienti laddove possibile.

James McLeod – Tutor e docente del Kingstown College

POTREBBE INTERESSARTI