I pericoli del wall to wall coaching

by | Feb 21, 2022 | Futuro, Idee

Persona stanca al lavoro davanti alla scrivania

A cura del professor David Clutterbuck

È comune per i coach essere così concentrati e preoccupati per il benessere dei propri clienti da diventare ignari del proprio e rischiare di trascurarlo. Il coaching, se fatto bene, è spesso emotivamente drenante e intellettualmente impegnativo.

Di tanto in tanto, ci sono commenti nei social media di coaching su come i coach (e specialmente quelli che lavorano per telefono) possono guadagnare di più distribuendo più clienti in un giorno. Tutto ciò che serve è una certa disciplina personale e un’efficace gestione dei clienti. È difficile non rabbrividire a questa miopia egoistica. La realtà è che il coaching tutto il giorno, con più candidati, (e in particolare il coaching telefonico, con il suo ambiente di comunicazione relativamente snello) è una pratica scadente e dannosa sia per il coach che per il cliente, per i seguenti motivi:

  1. Il cervello umano ha una capacità limitata di concentrazione. La nostra capacità di occuparci pienamente del cliente diminuisce quando il cervello perde energia – quindi abbiamo bisogno di tempo per recuperare. Se proviamo a fare troppe sessioni in un giorno, diventiamo meno attenti e meno premurosi (la ricerca neuroscientifica suggerisce che le aree del cervello legate all’empatia in realtà si restringono nel tempo quando le persone non moderano l’intensità della loro concentrazione intellettuale). La creatività, la produttività e la qualità della nostra intuizione soffrono quando il nostro cervello è stanco.
  2. Quando abbiamo a che fare con molti clienti, la loro individualità tende a confondersi nelle nostre menti, aumentando la probabilità che li oggettiviamo (cioè, diventano più clienti e meno esseri umani). Una conseguenza di questo processo nell’assistenza sanitaria è che infermieri e terapisti possono diventare desensibilizzati ai sentimenti e ai bisogni dei pazienti.
  3. Un coach efficace sperimenta, attraverso la Gestalt, le potenti emozioni provate dai clienti. Se queste emozioni si connettono con esperienze traumatiche, che il coach ha incontrato nella propria vita, l’impatto è ancora maggiore. Abbiamo bisogno di tempo tra le sessioni di coaching per affrontare i nostri demoni – per riconoscere i nostri sentimenti (sia i nostri che quelli sentiti indirettamente) e lasciarli andare intenzionalmente. Salvarli per la prossima supervisione non è adeguato, perché dà troppo tempo per loro di deteriorarsi.
  4. Stare seduti troppo a lungo non fa bene alla nostra salute fisica. Non è qualcosa per cui i nostri corpi sono stati progettati. L’attività in piedi (preferibilmente ragionevole vigorosa per ottenere il pompaggio del sangue) aiuta con il nostro pensiero e accelera il processo di rabbocco di zucchero nel sangue nel nostro cervello.
  5. Anche il nostro senso di eticità soffre quando non siamo completamente rinfrescati. È più probabile che seguiamo opinioni o supposizioni eticamente dubbie da parte del cliente e meno in grado di distinguere la nostra agenda dalla loro.

Quindi cosa può fare diversamente l coach con un carico di lavoro pesante? Ecco 10 passaggi pratici:

  1. Gestisci il tuo carico di lavoro in modo da avere intervalli frequenti di almeno 45 minuti per riflettere, aggiornare e prendere appunti tra una sessione e l’altra;
  2. Se possibile, crea un ambiente di coaching in cui puoi camminare, o almeno stare in piedi, ma assicurati di farlo in un modo che non distragga il cliente;
  3. Pianifica come conserverai la tua energia mentale e fisica durante il giorno;
  4. Prendi regolarmente la tua “temperatura emotiva” – costruisci nella tua giornata alcuni momenti di onestà personale;
  5. Assicurati di avere l’opportunità di ridere (la risata è un potente restauratore di energia);
  6. Meditare per alcuni minuti prima e dopo ogni sessione di coaching;
  7. Seleziona i tuoi clienti, ove possibile, per la loro diversità: la varietà aiuta a mantenere la tua curiosità;
  8. Lascia andare la necessità di aiutare il cliente a trovare una soluzione: di solito è il tuo bisogno, non il loro e ti porta a concentrarti sull’obiettivo, invece che sul cliente. Abbiate fiducia che le soluzioni emergeranno quando il cliente sarà pronto per loro! Lasciarsi andare in questo modo riduce notevolmente lo stress che deriva dal preoccuparsi se si è abbastanza utili;
  9. Sii grato ai tuoi clienti per l’apprendimento che acquisisci da loro e fallo presente quando si verifica. La gratitudine è l’ennesimo restauratore di energia!!
  10. Monitora le tue sessioni di coaching in termini di stress positivo e negativo. (Lo stress positivo è energizzante; lo stress negativo è la perdita di energia.) Usa queste informazioni per adattare il tuo modo di fare coaching.

La linea di fondo è che, se miriamo ad essere centrati sul cliente, dobbiamo guardare prima a noi stessi e a quanto siamo in forma nel corpo, nella mente e nell’anima per il dialogo di coaching.

POTREBBE INTERESSARTI

Incarnare una mentalità da coach

Incarnare una mentalità da coach

Una nuova ed importante competenza è stata aggiunta alle Competenze fondamentali di ICF, pubblicate a novembre 2019, e cioè incarna il coaching mindset.   Investire su te stesso in qualità di coach è della massima importanza poiché l'industria del coaching continua a...

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

A livello globale, i motivi più frequentemente citati per la partecipazione ad un programma di coaching sono stati: il ​​miglioramento delle capacità comunicative (37%),  seguito dal miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata  e dall'aumento...

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

A cura del professor David Clutterbuck Un documento fondamentale sulle funzioni di leadership identifica 15 funzioni suddivise in due fasi mutuamente dipendenti dell'attività del team (Morgeson et al, 2009). La prima fase, denominata transizione, consiste in attività...