Consulenza aziendale con uno stile di coaching

by | Nov 15, 2021 | Idee, Strumenti di coaching

In qualità di business coach, sono spesso impegnata ad aiutare a risolvere i problemi. [ma]… Ho trovato che raramente si tratta di un problema isolato. Spesso ho scoperchiato dei vasi di Pandora.

 I consulenti aziendali possono beneficiare dei modelli e delle filosofie del coaching, allo stesso modo con cui ne beneficiano i leader che usano uno stile di coaching. Carey Ann Lordan di Red PR ci guida attraverso il suo processo con le aziende con cui lavora ed in che modo, modelli come GROWTH, forniscono un quadro per le conversazioni con il personale a tutti i livelli dell’organizzazione.

man at his desk

Come neodiplomanto del Diploma Avanzato in Personal, Leadership ed Executive Coaching presso il Kingstown College, ero desideroso di applicare le conoscenze apprese in modo pratico all’interno della mia attività. Possiedo e gestisco una società di comunicazione chiamata Red PR, siamo specializzati in soluzioni aziendali con particolare attenzione alla comunicazione.

Negli ultimi 10 anni, abbiamo lavorato in un’ampia varietà di settori. Il COVID-19 ha messo molte di queste imprese in “acque inesplorate” e, non per colpa loro, hanno dovuto adattarsi e cambiare rapidamente per salvare posti di lavoro e continuare a mandare avanti il proprio business.

Prima del corso del Kingstown College ho conseguito un diploma di laurea (livello 9) in innovazione ed impresa al Trinity College di Dublino. Ho unito l’apprendimento da ciascuno per creare una serie di modelli e strumenti efficaci che stanno trasformando le attività dei nostri clienti, anche in questi tempi incerti.

Mi piace adottare un approccio di tipo Lean Business per migliorare le aziende con cui lavoro e il framework, modello operativo che mi piace di più coinvolge persone, processi e tecnologia / sistemi. A seguito di un’analisi approfondita di ciascuno di questi componenti chiave, lavoro quindi con i senior manager e i loro team per innovare e portarlo avanti. Ciò include guardare chi fa cosa, come lo fanno, come viene offerto al cliente e come posso migliorarlo.

Credo fermamente che le persone, dietro la maggior parte delle aziende, siano la principale risorsa, ma a causa di cattive pratiche di comunicazione e gestione, le persone sono di solito la risorsa meno sfruttata con il maggior potenziale. Quindi comincio da lì.

Come business coach, sono spesso impegnato per aiutare a risolvere un problema. Il problema che mi viene chiesto di affrontare può variare da situazioni legate a scarse prestazioni a competenze relative ai media, da vendita assertiva a rapporti di lavoro impegnativi. Indipendentemente dal problema presentato, è importante notare che raramente si tratta di un problema isolato. Spesso scopro un vaso di Pandora. 

Il trucco consiste nel trovare l’equilibrio e concentrarsi sui problemi che devono essere affrontati affinché il cliente raggiunga il proprio obiettivo organizzativo. Questo è il modo in cui verrai “misurato” come coach e il tuo impegno, attraverso i tuoi interventi di coaching, sarà considerato di successo. 

Non posso sottolineare abbastanza quanto sia importante non perderlo di vista, specialmente per quelli che stanno leggendo questo articolo e hanno una naturale tendenza a propendere per la prescrizione e la guarigione delle ferite. 

C’è sempre una sfida che i business coach incontrano e che vorrei affrontare in base alla mia esperienza professionale. Presenterò anche un modello, utile per chiunque di voi intraprenda un percorso simile, su come superare rapidamente queste tipologie di criticità. 

Inevitabilmente, le informazioni iniziali che ricevo mi offrono una prospettiva di senior management, in genere consegnato dal proprietario dell’azienda o dal CEO, che ha ovvie implicazioni. Inoltre, il problema che mi è viene chiesto di risolvere è di solito presentato come un puzzle in cui mi mancano molti dei pezzi necessari per raggiungere l’obiettivo generale dell’azienda.

Ho deciso di condividere alcuni dei miei consigli chiave per superare le sfide dell’impegno iniziale in base alla mia esperienza e di ciò che ha funzionato meglio per me e i miei clienti.

Considero l’azienda come un cliente in un percorso di coaching e ascolto attivamente tutto ciò che mi viene detto e non come potrebbe essere raccontato. Cerco di stabilire in modo efficiente i valori, le convinzioni delle organizzazioni ed i punti di forza, in modo analogo a come gestirei un singolo cliente. Cerco di identificare e definire modelli di comportamento inefficaci che possono essere profondamente radicati nella cultura dell’azienda e spesso vengono dal top management e si diffondono al proprio interno. 

Le dinamiche del team e il modo in cui le persone interagiscono e comunicano tra loro sono di vitale importanza. Sfortunatamente quando vengo chiamato, c’è già nell’aria  un senso di tossicità. Alcuni dipendenti non ne sono affetti per nulla, mentre altri ne sono completamente consumati. 

Il mio lavoro è quello di raccogliere le informazioni necessarie per aiutare l’azienda ed i suoi dipendenti a passare dalla loro realtà attuale al raggiungimento di un obiettivo organizzativo comune. La sfida è raccogliere le informazioni necessarie per aiutarli a raggiungere l’obiettivo in modo rapido ed efficiente e decifrare le evidenze che raccolgo lungo il percorso, decifrando ciò che è importante e ciò che non lo è.

Naturalmente, le mie soluzioni aziendali sono su misura e personalizzate al fine di soddisfare le esigenze specifiche di ciascuna azienda, tuttavia, ecco la ricetta di base che vorrei condividere. 

Sono un grande fan del Lean Business Model Canvas! Gran parte di ciò che descriverò nei passaggi successivi, sono strumenti da utilizzare per riempire il quadro di un’azienda, mentre uso le tecniche di coaching con l’azienda stessa per raggiungere un obiettivo organizzativo.

 

Lo strumento dell’analisi organizzativa è un modello efficace per ottenere una panoramica o un’istantanea del loro business.  Trovo che combinarla con la ricerca fatta a tavolino prima del primo incontro sia utile quando si cerca di definire un quadro più ampio prima di concentrarsi su aree e obiettivi chiave per l’azienda. Aiuta a scoprire gran parte della realtà attuale di un’organizzazione.

Trovo che combinarlo con la ricerca fatta a tavolino prima della consultazione iniziale e del briefing sia utile quando si cerca di stabilire il quadro più ampio prima di concentrarsi su aree e obiettivi chiave per l’azienda. Aiuta a scoprire gran parte dell’attuale reality di un’organizzazione.  

Il modello GROWTH è utile durante le consultazioni iniziali con il senior management per garantire che l’obiettivo sia chiaro o si possa chiarire (Goal), SMART, e avere un’idea reale della realtà (Reality) attuale da una prospettiva di alto livello. Naturalmente, anche le “opzioni” (Opportunities),  “volontà o via da seguire” (Will – Way forward), “tattiche” (Tactics) e “come arrivarci” (How) saranno individuate in modo efficiente con l’aiuto di questo modello.

Quando si tratta di superare le sfide che sono incentrate sulle persone, è fondamentale stabilire “chi è chi” molto rapidamente. Sebbene io inserisca molti modelli, diversi tra loro, in modo appropriato per raggiungere questo obiettivo, trovo molto utile la teoria di Lencioni sui team disfunzionali, specialmente dove la tensione è ovviamente alta. 

Mi piace avere una sessione confidenziale di scoperta con i dipendenti per capire cos’altro sta succedendo nell’azienda. In questa sessione comincio condividendo la valutazione di Lencioni sull’organizzazione/team e ne discutiamo assieme. Poi mostro loro un confronto della loro valutazione rispetto alle valutazioni medie dell’intero team. Trovo questo approccio utile e perspicace per iniziare la conversazione nel mio know-how aziendale, al fine di introdurre e sviluppare la loro fiducia e fiducia in me, incoraggiando al contempo il pensiero di un’immagine più ampia e l’adesione all’obiettivo organizzativo generale. 

Trovo anche che chiedere ai dipendenti di completare l’indicatore di personalità di Myers-Briggs e impegnarsi nel processo di auto-scoperta sia utile per evidenziare i vantaggi di avere diversi tipi di personalità coinvolti nel business e come può essere una risorsa per il team e l’azienda in generale. Promuove anche un ambiente per l’autoconsapevolezza mentre introduciamo il cambiamento che è fondamentale per creare il percorso di minor  resistenza e / o buy-in ottimale.

La compatibilità con il ruolo, la capacità individuale e le opportunità / requisiti, spesso si presentano a questo punto come opzioni per l’azienda da considerare mentre si continua con il processo. In particolare, è qui che coloro che stanno ottenendo scarsi risultati di solito ci dicono / chiedono “perché”, e spesso decidono di lasciare l’organizzazione. Se ciò accade, non fatevi prendere dal panico! I business coach si imbattono molto in questo!

A partire da questo momento inizio ad indossare il mio cappello di mentore aziendale e in comunicazione per stabilire la loro proposta/valutazione di valore, punti di vendita unici, mappatura del percorso del cliente e una comprensione del modello di business e della redditività. Oltre a proporre modelli di business più formali e teorie di comunicazione applicate, porre ai dipendenti semplici domande di coaching può essere utile,  come; Che cosa ti inorgoglisce / che cosa ti piace dell’azienda? Perché pensi che i tuoi clienti ti scelgano e/o scelgano i vostri prodotti? 

 

Quando si tratta di tecnologia e sistemi una semplice domanda come: Perché lo fai in questo modo? Spesso porta all’ideazione e al design thinking, mentre domande come: Che cosa ti frustra? Di solito va al sodo e identifica le inefficienze di processo e tecnologiche, ad esempio. sovrapposizione delle attività lavorative, risorse non adeguate, procedure all’interno dell’organizzazione farraginose. Molti di questi problemi possono essere facilmente affrontati, spesso risparmiando sui costi e includendo produttività e benessere tra il personale. Questo può solo servirti positivamente nel tuo coaching e in azienda mentre ci si orienta verso l’obiettivo generale.

La mia esperienza di lavoro con le aziende è stata vasta, sono cresciuto in un’azienda familiare con entrambi i genitori provenienti anche da aziende familiari, quindi immagino che si possa dire che è nei miei geni e gran parte di ciò che faccio per le aziende sia innato, tuttavia, a dire il vero ho lavorato duramente negli ultimi anni per migliorare le competenze in diverse aree per garantire che io sia al top per aiutare i clienti che hanno scelto di lavorare con Red PR. Spero che tu abbia trovato utili queste esperienze e se sei interessato a metterti in contatto con noi visita redpr.ie Mi piacerebbe incontrarti!

Modello Persone Processi Tecnologia

Biografia dell’autore:

Carey-Ann Lordan è uno dei principali specialisti di comunicazione irlandesi con una comprovata esperienza nel settore delle pubbliche relazioni, del marketing, della gestione degli eventi, del coaching, della formazione e delle comunicazioni. Una forza da non sottovalutare, Carey-Ann è un professionista dello sviluppo aziendale con una reputazione molto apprezzata nell’ambito della comunicazione. Il suo punto di forza è il business coaching e la collaborazione con clienti aziendali in un’ampia varietà di settori per portare le loro attività dalla loro realtà attuale alla realizzazione di importanti obiettivi organizzativi.

POTREBBE INTERESSARTI

Incarnare una mentalità da coach

Incarnare una mentalità da coach

Una nuova ed importante competenza è stata aggiunta alle Competenze fondamentali di ICF, pubblicate a novembre 2019, e cioè incarna il coaching mindset.   Investire su te stesso in qualità di coach è della massima importanza poiché l'industria del coaching continua a...

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

A livello globale, i motivi più frequentemente citati per la partecipazione ad un programma di coaching sono stati: il ​​miglioramento delle capacità comunicative (37%),  seguito dal miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata  e dall'aumento...