Coaching e intelligenza artificiale

by | Jul 19, 2021 | Futuro

 “Senza che la maggior parte di noi ne sia consapevole, l’Intelligenza Artificiale sta alimentando sempre più processi e dispositivi ed è entrata nelle nostre vite”

“Il coaching può aiutare le persone a rimanere con i piedi per terra e a mantenere le connessioni umane in un futuro in cui le persone trascorreranno sempre più tempo in un mondo digitale ideato e creato dall’I.A.”

“Un’area di particolare importanza, che richiede un’attenzione costante è la protezione di queste informazioni private e sensibili”

La pandemia ha accelerato l’adozione di nuove tecnologie e si prevede che entro il 2025 metà di tutte le attività lavorative saranno gestita da macchine. Christa Ilieva approfondisce le tendenze recenti nell’area dell’intelligenza artificiale e condivide con noi alcune intuizioni che collegano l’intelligenza artificiale alla professione di coaching.

La prima volta che si ritiene che il termine intelligenza artificiale (I.A) sia stato utilizzato è stato nel 1956 durante una conferenza all’Università di Dartmouth College, negli Stati Uniti. È generalmente riconosciuto che Thomas Leonard, un pianificatore finanziario degli Stati Uniti, abbia sviluppato il coaching come professione negli anni ’80. Poiché l’introduzione dell’I.A. è iniziata nella pratica in seguito, sia il coaching che le nuove tecnologie – che apparentemente hanno poco in comune – hanno iniziato la loro espansione e sviluppo negli ultimi decenni.

La relazione tra coaching e I.A. non può essere separata dallo sviluppo dell’I.A. in generale e dal suo impatto su quasi tutti i settori della società. Poiché l’intelligenza artificiale modella la società, i processi di lavoro e le relazioni umane, avrà un impatto sul coaching, ma anche il coaching avrà un’influenza sull’intelligenza artificiale nel suo campo.

Al momento, e senza che la maggior parte di noi ne sia consapevole, l’intelligenza artificiale alimenta sempre più processi e dispositivi ed è entrata nelle nostre vite. Un fenomeno noto come effetto I.A. si verifica quando con l’avanzare delle capacità della macchina le attività che si pensava richiedessero I.A., non sono più considerate guidate da I.A.; il Teorema di Tesler dice l’intelligenza artificiale è tutto ciò che non è stato ancora fatto“. 

I.A. e coaching reciproco (mutual coaching)

Il mondo digitale è uno specchio del mondo fisico e, poiché le persone iniziano a trascorrere sempre più tempo online, spesso ci chiediamo come seguire i cambiamenti radicali che le nuove tecnologie portano. Tuttavia, abbiamo ancora poche informazioni su come le persone che trascorrono la maggior parte del loro tempo in una realtà digitale interagiranno con il mondo fisico quando vi torneranno, poiché il cervello umano e la psicologia avranno già subito dei cambiamenti per adattarsi al mondo virtuale.

“Nel prossimo futuro, è probabile che il suo impatto (dell’I.A.) continui a crescere. L’intelligenza artificiale ha il potenziale per cambiare notevolmente il modo in cui gli esseri umani interagiscono, non solo con il mondo digitale, ma anche tra di loro.” (www.internetsociety.org )

I.A., Realtà “Digitale” e Coaching

L’adattamento reciproco tra uomo e intelligenza artificiale è già un processo in corso nella comunicazione, nell’interazione e nelle interfacce. Il rapporto tra uomo e macchine cambierà e dal punto di vista del coaching si aprirà una vasta gamma di nuove opportunità di collaborazione una volta che la comunicazione tra uomo e macchina diventerà più naturale.

Sebbene il coaching non sia legato alle neuroscienze, è focalizzato sul comportamento degli esseri umani, che è guidato dal cervello. A lungo termine vale la pena notare l’attuale ricerca condotta da Neuralink (una società di neurotecnologia fondata da Elon Musk https://neuralink.com), che sta sviluppando interfacce cervello-macchina impiantabili. Questo è da menzionare non per un sostanziale progresso già raggiunto, ma per l’approccio scelto per collegare gli elettrodi nel cervello umano all’I.A., che registra gli impulsi elettrici e cerca di interpretarli. In caso di successo, questo potrebbe portare in 10 anni a un’interazione tra cervello e intelligenza artificiale a un livello completamente nuovo. L’idea del fondatore di Neuralink è che questo sia un modo per trovare una soluzione ai computer e alla capacità di raddoppiare le prestazioni dell’I.A. ogni due anni, che il cervello umano ha difficoltà a seguire.

I coach e lo slancio dell’I.A.

I coach possono svolgere un duplice ruolo – da un lato aiutare nella transizione e il necessario adattamento al futuro – e dall’altro – salvaguardare il necessario equilibrio.

Sappiamo che la biologia svolge un ruolo importante nei processi cognitivi e nel comportamento: il nostro umore, i nostri sensi, le nostre emozioni, il cibo, l’attività fisica, gli ormoni, il clima e tanti altri fattori li influenzano. Se paragoniamo un essere umano ad un albero, la chioma è la testa e il corpo è il tronco e le radici. Il coaching può aiutare le persone a rimanere con i piedi per terra e a mantenere le connessioni umane in un futuro in cui le persone trascorreranno sempre più tempo in un mondo digitale ideato e concepito dall’I.A.. Dal punto di vista del coaching potrebbe essere utile avere dei piccoli gruppi di coaching di riferimento su base volontaria meno immersi nel mondo digitale. 

Finora le emozioni sono rimaste un privilegio umano. L’intelligenza artificiale ha già una certa capacità di catturare le emozioni tramite il riconoscimento facciale, la temperatura corporea, ecc. e vengono fuori robot che possono mostrare le emozioni come “compagni robotici emotivi” ( www.buddytherobot.com ). I coach umani possono offrire il contatto umano, la stretta di mano e tutte le altre interazioni umane sottili ma importanti. È difficile immaginare che un’I.A. possa trasmettere l’energia che si scambia durante il contatto tra persona e persona e da cui dipende in larga misura il successo di una sessione di coaching. Potrebbero gradualmente emergere sfumature tra la personalità digitale e quella fisica e il coaching può aiutare anche a colmare le particolarità tra di esse.

 

Un’altra area in cui le persone eccellono è la creatività, ovvero la capacità di collegare idee e concetti diversi in modi nuovi, mentre si forma qualcosa di nuovo e prezioso. La creatività umana ha bisogno di spazio e tempo, mentre la “creatività” dell’I.A. ha bisogno soprattutto di dati, autoprogrammazione e server potenti. Ci potrebbe essere una complementarietà come creatività basata su intelligenza artificiale ed umana. La musica creata dall’I.A. sulla base di algoritmi, al posto dei suoni è almeno al momento molto diversa come risultato finale e impatto emotivo. Il coaching può portare un’interazione centrata sull’uomo, un contrappeso all’impatto sulla personalità dell’eccessiva immersione digitale.

 

La domanda su come i coach sceglieranno di collaborare con l’intelligenza artificiale e introdurranno nuove applicazioni e strumenti di coaching nel loro lavoro è solo una parte dell’equazione. L’altra parte non meno importante è che parallelamente i coach dovranno adattarsi costantemente ai profondi cambiamenti interni delle aziende e della società in generale, e al nuovo mondo dei clienti che potrebbero avvalersi a loro volta di assistenti I.A., aprendo un nuovo livello di collaborazione non solo tra gli umani, ma anche tra due entità I.A.. Se estrapoliamo ulteriormente, sorge la domanda su quando arriverà il momento in cui l’I.A. inizierà a richiedere e beneficiare del coaching? 

persona che guarda verso l'alto

Applicazioni pratiche dell’I.A. nel coaching

C’è una certa tendenza in cui le generazioni più giovani non guardano all’intelligenza artificiale e alle nuove tecnologie come qualcosa di completamente separato, ma in una certa misura come “amici” con cui sono cresciuti. È già in corso un processo di integrazione dell’I.A. integrata negli strumenti di coaching. L’intelligenza artificiale può aiutare a utilizzare i modelli di coaching come GROW, può dimostrare una certa empatia, dare risposte appropriate e persino dare l’impressione di parlare con un essere umano. In futuro l’intelligenza artificiale può migliorare basandosi sulle emozioni umane.

La continua integrazione dell’I.A. in tutti i sistemi, fondendoli sempre più negli smartphone, dà la possibilità non solo di occuparsi delle agende, ma anche di svolgere il ruolo di pocket coach. Le persone potranno dialogare con loro per esprimere preoccupazioni e porre domande. È utile sapere, sebbene al di fuori del campo del coaching, che secondo gli studi l’analisi del linguaggio basata sull’intelligenza artificiale può prevedere i sintomi pre clinici della psicosi con un’accuratezza del 93%. https://neurosciencenews.com/ai-psychosis-words-14236/

In pratica cosa è già cambiato o cambierà a breve? I contatti tra coach e clienti avvengono sempre più tramite videochiamate e videoconferenze dove l’I.A. è integrata. Le trascrizioni delle sessioni di coaching sono già eseguite con successo da applicazioni gratuite, supportate da I.A. come Otter (otter.ai). L’interconnessione delle I.A. darà accesso ai dati su molte situazioni diverse con la capacità di interconnetterle e dare suggerimenti al coach per le domande. L’I.A. può integrare il lavoro del coach umano, migliorare il coaching disponendo di dati su numerose sessioni, proporre approcci alternativi, fare la parte contabile delle sessioni di coaching, attirare l’attenzione quando la conversazione di coaching sta andando fuori tema, seguire l’evoluzione nel tempo delle sessioni di coaching. I chatbot basati sull’intelligenza artificiale saranno progressivamente in grado di riconoscere i modelli e miglioreranno le capacità di interazione.

Nel campo del Team coaching e del team building, per esempio Riff-analytics https://riffanalytics.ai / usa dati vocali raccolti durante le chiamate video per mostrare come le persone interagiscono al fine di dare un feedback. Misura quanto sono coinvolte le persone o se qualcuno sta prevaricando la conversazione, analizzando i dati su gesti facciali, discorsi e parole, chat e sta lavorando per integrare nel futuro i dati sul contatto visivo e sul movimento degli occhi.

 

I prossimi passi saranno la rappresentazione di coach e clienti tramite ologrammi con rappresentazioni del corpo in scala reale. In questo caso coach e cliente che si trovano in città diverse sembreranno seduti uno accanto all’altro in una vera stanza, chiacchierano e persino prendono appunti su una vera lavagna. Combinando l’intelligenza artificiale con la fisica dell’ottica, i ricercatori di Stanford lavorano su un sistema che si allena per creare algoritmi per riprodurre scene del mondo reale in tutta la loro complessità tridimensionale e in continua evoluzione. In questo modo le videoconferenze verranno sostituite con rappresentazioni 3D, con ologrammi che creano realtà aumentate. 

Questi progressi tecnologici e l’integrazione dell’I.A. daranno più tempo all’elemento umano durante le sessioni di coaching, utilizzando empatia e intuizione e i coach disporranno di un assistente virtuale sempre più intelligente 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Man mano che un numero maggiore di coach conoscerà il coaching digitale, è prevedibile che aumenterà la fiducia nelle nuove tecnologie. Un’area importante che richiede un’attenzione costante è la protezione di queste informazioni private e sensibili.

Secondo l’ultimo rapporto del World Economic Forum (WEF), attualmente circa un terzo di tutte le attività lavorative sono state gestite da macchine, mentre gli esseri umani hanno fatto il resto. Entro il 2025 l’equilibrio si sposterà e metà di tutte le attività lavorative saranno gestite da macchine. Il WEF ha osservato che la pandemia di Covid-19 ha accelerato l’adozione di nuove tecnologie.

I ruoli che si basavano su abilità umane come la consulenza, il processo decisionale, il ragionamento, la comunicazione e l’interazione sarebbero aumentati nella domanda. Ci sarebbe anche un “incremento” della domanda di personale per ricoprire posti di lavoro nell’economia verde e nuovi ruoli in aree come l’ingegneria e il cloud computing. https://www.bbc.com/news/business-54622189 

Articolo di Christa ILIEVA- Ottobre 2020 

 

Alcuni esempi di app di coaching guidate dall’intelligenza artificiale:

  • Rocky Rocky.ai è un bot di coaching I.A. per il pensiero strategico e le domande di autoriflessione. Aiuta a mettere in atto le abitudini, a identificare le priorità quotidiane, dà consigli e dà la possibilità di essere in grado di rendere conto (accountability) a fine giornata.                                                                                                                                                          
  • Qstream https://qstream.com è un’app per trasformare l’apprendimento per cambiare il comportamento e ottenere risultati coinvolgendo gli studenti e analizzando le prestazioni.                                                                                                                                                          
  • Leadx https://leadx.org/ il loro marchio è che “ogni manager merita un coach”. Il LEADx Coach Amanda combina scienza comportamentale, intelligenza artificiale e contenuti di esperti per migliorare i comportamenti di leadership, la produttività ed il coinvolgimento dei dipendenti, con spinte nel coaching e micro-apprendimento basati sull’intelligenza artificiale.                                                                                                                                                          
  • ProReal https://www.proreal.world/ offre l’opportunità di interagire con i clienti utilizzando la tecnologia dei giochi 3D. È uno strumento di comunicazione in realtà virtuale per accelerare la comprensione e il cambiamento. Consente ai coach, nonché alle altre persone o oggetti coinvolti, di essere rappresentati da avatar, collocati in scenari differenti, in modo che distanze, scambi di vedute sulle situazioni favoriscano la consapevolezza e permettano una visione da diverse prospettive. Ci possono essere diversi avatar per una persona ed è molto adatto per lavorare in remoto. Questo ambiente digitale immersivo crea presenza, oggetti 3D e possono essere creati disegni e scenari.                                                                                                                                                          
  • Woebot è un esperto di cura personale che può aiutare a pensare attraverso le situazioni con una guida passo passo utilizzando gli strumenti della terapia cognitivo comportamentale https://woebothealth.com/the-app
  • Il ruolo dell’I.A. nel reclutamento è già un dato di fatto e l’I.A. sarà sempre più integrata nel management e nella leadership, influenzando così la pratica del coaching per loro. Alcuni esempi nel campo del reclutamento: Pymetrics https://www.pymetrics.ai/ e Hirevue https://www.hirevue.com/    

 

 

 

POTREBBE INTERESSARTI