Cosa succede se il coachee dice “non lo so”

by | Mar 15, 2022 | Idee

A cura del professor David Clutterbuck

Esprimere la domanda in termini di sentimenti è importante, perché allontana la conversazione da qualsiasi accenno di giudizio o critica del loro pensiero.

 

punti di domanda stilizzati

Capita almeno una volta in una conversazione di coaching, in cui il coach sente istintivamente che la questione è abbastanza chiara da porre una domanda potente, una domanda che farà davvero riflettere il coachee e aprirà nuove prospettive. Molte volte, questo è esattamente ciò che accade, ma occasionalmente il cliente risponde semplicemente con “non lo so“. Per il coach, questo può essere molto frustrante ed è facile formare l’idea che il cliente sia solo ostruttivo e si ostacoli. Tuttavia, la risposta “non lo so” può essere uno dei fattori scatenanti più potenti per aiutare il coachee a raggiungere l’auto-intuizione.

Ci sono diverse ragioni per dire “non lo so” e ognuna di esse ha bisogno di una risposta diversa. Il coachee può intendere e voler dire:

  • “Sinceramente non lo so, ma sono curioso di approfondire ulteriormente la questione”
  • “Non voglio pensare a questo – è troppo difficile o troppo doloroso”
  • “Non lo so, ma ho una forte percezione”
  • “Non penso (o sento) che sia la domanda giusta” (Quindi possiamo lavorare su quale potrebbe essere la domanda corretta?)

Il primo passo per portare avanti la conversazione è dimostrare interesse per il loro stato sul “non sapere”. Potresti, ad esempio, descrivere i quattro significati di cui sopra e chiedere: “Con quale di questi tipi di non sapere senti che abbiamo a che fare in questo caso?” Esprimere la domanda in termini di sentimenti è importante, perché allontana la conversazione da qualsiasi accenno di giudizio o critica del loro pensiero. Può inoltre invitare il cliente a: “Non rispondere immediatamente e a prendersi qualche minuto per riflettere”.

Nel primo caso, in cui sinceramente non sanno, ma sono curiosi, puoi aiutarli a concentrarsi prima su ciò che  sanno. Una tecnica semplice è quella di disegnare un puzzle, con pezzi vuoti. Invitali a etichettare i pezzi, a partire dai bordi o nel mezzo, con cose rilevanti che conoscono. A questo punto puoi insieme a loro, usando una penna di colore diverso, identificare tutte le cose rilevanti che non conoscono ed esplorare come potrebbero scoprirlo.

Nella seconda situazione, che è fondamentalmente quella dell’evitare, inizia riconoscendo – e quindi convalidando  il loro stato d’animo (potenziale sofferenza/dolore). Quindi chiedi loro gentilmente di esplorare:

  • Cosa c’è in questa domanda o situazione che la rende così difficile?
  • Che tipo di dolore è questo?
  • Dove avverti questo dolore?

Se incontri una resistenza continua, fai attenzione!  Potresti essere sull’orlo di un trauma psicologico profondamente radicato o di un disturbo di personalità, che è al di fuori dello scopo del coaching. Dare loro spazio e chiedere gentilmente se si sentono pronti ad affrontare questa situazione? In caso contrario, e in particolare se lo stesso problema si ripresenta in altri punti delle conversazioni di coaching, considera di affrontare l’argomento e di poterli indirizzare ad un terapeuta/psicologo.

Molte volte, tuttavia, il coachee si sentirà in grado (e sollevato) di discutere la questione, perché ora ha una struttura per farlo. Può essere un po’ come entrare in una bella piscina. È scomodo entrare, ma poi ti acclimati velocemente.

Nella terza situazione, in cui il coachee distingue tra ciò che sa veramente e ciò che percepisce, ha già iniziato la parte più difficile del processo. Le domande utili includono:

  • Cosa ha creato le tue ipotesi/presupposti su questo argomento?
  • Cosa desideri conoscere al riguardo e cosa preferiresti non sapere?
  • Come potresti verificare le tue ipotesi?
  • Come vedrebbero le altre persone, le cui opinioni che valorizzi?

Nella quarta situazione, vi è stato dato di nuovo un buon punto di partenza per ulteriori esplorazioni. È possibile utilizzare tecniche quali:

  • Invertire la domanda (ad es. Da Cosa desideri? a Cosa non desideri/vorresti? )
  • Aggiunta e sottrazione di parole per testare l’impatto di domande diverse
  • Cambiare l’enfasi delle parole
  • Chiedi al coachee di selezionare uno tra: Chi? Dove? Quando? Che? Che cosa? Come? Perché? Seguito da un verbo come potere, essere, avere, volere, desiderare, volere e così via. Poi alcuni sostantivi come: pace, realizzazione, amore, contentezza, promozione e così via; e infine alcuni aggettivi o altre frasi descrittive (ad esempio felice, di successo, in controllo). Ora gioca con questi fino a quando non generano una domanda che è veramente significativa per loro. Potresti impostare loro il compito di perfezionare la domanda per renderla ancora più significativa.

I coach riferiscono che lavorare efficacemente con il non sapere contribuisce a costruire la fiducia all’interno della relazione, non da ultimo perché mostra al coachee che loro (non il coach) sono responsabili delle loro riflessioni interne.

POTREBBE INTERESSARTI

Incarnare una mentalità da coach

Incarnare una mentalità da coach

Una nuova ed importante competenza è stata aggiunta alle Competenze fondamentali di ICF, pubblicate a novembre 2019, e cioè incarna il coaching mindset.   Investire su te stesso in qualità di coach è della massima importanza poiché l'industria del coaching continua a...

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

A livello globale, i motivi più frequentemente citati per la partecipazione ad un programma di coaching sono stati: il ​​miglioramento delle capacità comunicative (37%),  seguito dal miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata  e dall'aumento...

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

A cura del professor David Clutterbuck Un documento fondamentale sulle funzioni di leadership identifica 15 funzioni suddivise in due fasi mutuamente dipendenti dell'attività del team (Morgeson et al, 2009). La prima fase, denominata transizione, consiste in attività...