Come Chiedere Un Testimonial

by | Jun 17, 2021 | Idee

Tripadvisor. Google. Amazon. TrustPilot. Viviamo nell’economia delle recensioni e testimonials!

Il consumatore di oggi si occupa spesso di questi siti per confermare lo sfondo, la reputazione e l’idoneità del servizio o del prodotto che stanno considerando.

Se stai lanciando o rinfrescando il tuo sito web per la tua pratica di consulenza, contabilità o coaching potresti guardare qualche spazio bianco in cui dovrebbero essere le testimonianze e trovarti senza nulla da mettere in esso.

E per di più, forse non sei del tutto sicuro di come chiedere ai clienti una testimonianza.

Ecco alcuni pensieri…

Aspetta, e la riservatezza?

Per i coaches in particolare, c’è una contraddizione a cui pensare. Sottolineiamo costantemente la riservatezza della sessione e la partnership di coaching, quindi quando chiediamo un testimonial può sembrare in contraddizione con tale riservatezza. Pertanto, dobbiamo gestirlo con attenzione.

Focus – Quale è lo scopo del testimonial?

Una testimonial è una prova. È la prova che puoi fare quello che dici di poter fare. Sei un investimento sicuro? Il cliente può acquistare con sicurezza i tuoi servizi? Questo si riduce davvero a FIDUCIA.

Possono fidarsi di te? Fiducia nel carattere, nella competenza e nella comunicazione. Ecco un esempio;

“Alan è estremamente disponibile e facile da lavorare (Carattere). Ogni sfida che abbiamo vissuto ha avuto grandi intuizioni e modelli per fare le scoperte che sono diventate importanti risultati per il nostro team (Competenza). Dal contatto iniziale fino alla relazione di coaching,

Alan era sempre alla fine del telefono o di un’email anche al di fuori delle sessioni

(Comunicazione). Non vedo l’ora di continuare questo partnership di successo”

Smetti di usare la parola Testimonial

Testimonial è solo una parola. Altri siti potrebbero chiamarla revisione o raccomandazione. Tutti chiedono testimonianze, quindi diamogli un calcio in questo momento e cambiamo il modo in cui ne parliamo. Confronta queste domande;

  • Potresti scrivermi una testimonianza per il mio sito web? [vago]
  • Potresti mandarmi un paio di frasi sulla tua esperienza di lavoro insieme? [specifico]

In vero modo coaching, rendi la richiesta utilizzabile.

Un grande coach è un vantaggio competitivo. Il tuo cliente potrebbe non voler rivelare la sua arma segreta pubblicando una testimonianza

Ecco alcuni motivi per cui un cliente potrebbe non voler soddisfare la tua richiesta e le tue idee per superarle.

Non mi aspettavo di essere chiesto

Invece di lasciarlo cadere sul tuo cliente alla fine delle sessioni, rendilo parte del tuo contratto all’INIZIO del rapporto di coaching. Quando sei d’accordo con il tuo cliente su come funzionerà la partnership di coaching, rendi una testimonianza parte di quella conversazione.

Idea di script

“Mi piace aiutare le persone a trovarmi come coach e avere fiducia nel prendere il telefono per prenotare una sessione. Alcune righe di altri clienti sono davvero utili per questo. Va bene chiederti qualche righe sulla nostra esperienza di lavoro insieme dopo il nostro blocco di sessioni?”

Insoddisfatto del tuo servizio

Ottieni il contratto iniziale giusto e questo non sarà un problema. Chiedi al tuo cliente come sarà il successo alla fine delle sessioni insieme. Questo ti aiuta ad essere sicuro di aver fornito il servizio e dà al cliente un senso di “prima e dopo” e come lo hai aiutato. Inoltre, come coaches chiediamo sempre un feedback al nostro cliente al termine di una sessione. Chiediamo anche se il cliente ha bisogno di qualcosa di cambiato nel modo in cui stai lavorando insieme in modo da supportare meglio. Ci sono molte opportunità per tornare in rotta durante la relazione.

Chiesto troppo presto

Il tempismo è tutto! Ho visto questo accadere un paio di volte in cui un fornitore non ha consegnato ciò che è stato chiesto. ancora. Sì, il rapporto è buono e sembra buono finora; ma se chiediamo a un cliente di mettere il proprio nome a un endorsement, deve sapere che può sopportarlo.

Preoccupazioni del datore di lavoro

Può essere molto interessante lavorare con un cliente che lavora per un’azienda conosciuta come Google, Microsoft o Twitter. Puoi già visualizzare il loro noto logo sul tuo sito web! Tuttavia, quel noto marchio probabilmente non permetterà a quella persona di firmare una testimonianza come Head of Coaching, Google. Questo perché apparirà che Google sta avallando la tua azienda o il tuo servizio. Ai dipartimenti di pubbliche relazioni non piace! Ecco un’idea; che dire della firma della testimonianza come HR Business Partner, Top 5 TechCompany. Ha senso conoscere il livello di client con cui lavori. A volte puoi ottenere la firma per utilizzare il logo e l’approvazione, ma come puoi vedere ci sono altri modi per aggirarlo.

Privacy

Il tuo cliente potrebbe non volere che nessuno sappia che sta coinvolgendo i tuoi servizi. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che stanno discutendo di qualcosa di sensibile, o quello che trovo spesso è che essi visualizzano il loro coach come un vantaggio competitivo: un’arma segreta. Non vogliono che altre persone sappiano che il loro partner di successo sei tu. Hanno trascorso del tempo e fatica a ricercare un coach e potrebbero non voler semplicemente consegnare quell’intuizione ai concorrenti. Ancora una volta, questa potrebbe essere una situazione in cui una testimonianza anonima potrebbe funzionare. (Ironicamente, meglio sei come coach, più un problema diventa questo! )

Il cliente non è bravo a scriverli

Alcuni clienti credono di non essere bravi a scrivere testimonianze. Non sanno cosa dire e potrebbero essere preoccupati che non sarebbe abbastanza buono per te. Per questo motivo potrebbe essere utile chiedere semplicemente al tuo cliente di rispondere ad alcune domande come parte di un processo di feedback / revisione. Quando l’hai ricevuto, rispondi al telefono e d’ “Sono così orgoglioso del tuo feedback. Grazie mille per aver preso il tempo per farlo. Come sarebbe stare con te se dovevo riunire alcune delle tue righe e aggiungerlo al mio sito web. A causa della natura riservata del nostro lavoro insieme non allegarò il tuo nome ad esso, ma sarebbe ok menzionare il tuo titolo di lavoro o il tipo di organizzazione?”

Finalmente, dai la colpa al tuo coach!

Se ti ritrovi ad aver bisogno di un motivo per chiedere qualche linea al tuo cliente, incolpami! Prova qualcosa del genere…

“Sai come lavoriamo insieme per stabilire obiettivi e azioni? Beh, anch’io ho un coach e l’area su cui devo lavorare è come mi sto commercializzato. Una delle cose che ho concordato con il mio coach è stata chiedere a 3 clienti alcune righe sulla loro esperienza di lavoro con me in modo da poterlo aggiungere al mio sito Web , anche senza i loro nomi allegati. È qualcosa con cui potresti aiutarmi? “

Boom!

Allora, cosa ha funzionato per te in passato? Cosa hai trovato utile qui? Mi piacerebbe sentire i tuoi pensieri nei commenti!

POTREBBE INTERESSARTI