Coaching e mentoring all’aria aperta

by | Dec 14, 2021 | Idee

A cura del Professor David Clutterbuck

Quando si sceglie un posto per una sessione di coaching o mentoring, la scelta ovvia è quella di trovare una sala riunioni tranquilla, dove è possibile rilassarsi ed essere creativi. Sfortunatamente, le sale riunioni tendono ad essere tutt’altro che rilassanti, con mobili e decorazioni minimaliste, basate sulla premessa che nulla dovrebbe distrarre dal lavoro (con la L maiuscola). Il risultato è una ridotta creatività, una mancanza di stimoli, unita all’immobilità.

Coaching all'aperto

Un’alternativa pratica è quella di portare le conversazioni di coaching e mentoring all’esterno e idealmente in un ambiente che incoraggia la riconnessione con la normalità. Camminare, specialmente in un parco o in un altro ambiente naturale, fornisce un rinforzo positivo al pensiero aperto. Pompa anche più sangue in tutto il corpo, aumentando il volume di zuccheri al cervello e quindi al potere del nostro pensiero.

Il coaching o il mentoring all’aria aperta possono essere one-to-one o per un intero team o gruppo. 

Le regole di base sono:

  1. I telefoni cellulari e altre tecnologie devono essere spenti o lasciati a casa o in ufficio;
  2. Poiché qualcuno, che sta pensando profondamente, cammina più lentamente, le altre persone che lo accompagnano dovranno adattarsi al ritmo di quella persona, piuttosto che andare avanti;
  3. Va bene fermarsi ad ammirare qualcosa sulla strada – queste distrazioni (a differenza di quelle in ufficio) aiutano il nostro pensiero, perché stimolano il nostro senso di meraviglia, che è strettamente associato alla nostra creatività;
  4. Le pause frequenti ci consentono di acquisire informazioni mentre procediamo. Tutti portano una penna e un blocco note per le loro riflessioni;
  5. In un gruppo o in un team, le persone si disgregano in gruppi più piccoli di due o tre, camminando e fermandosi insieme. Di tanto in tanto, come accade naturalmente, possono riunirsi tutti insieme per condividere il loro pensiero, prima di camminare in (spesso nuovi) sottogruppi. Nell’arco di un’ora, questo processo può essere ripetuto quattro o cinque volte. Un gruppo più grande che cammina insieme è meno efficace, perché le persone trovano più difficile concentrarsi l’una sull’altra.

Sia il coaching che il mentoring possono essere descritti come accompagnare qualcuno in un viaggio riflessivo. L’introduzione del movimento dà vita a questa metafora. Quando facciamo coaching in un ufficio, ci sediamo di fronte o ad angolo rispetto al cliente; all’aperto, camminiamo letteralmente accanto a loro.

POTREBBE INTERESSARTI

Incarnare una mentalità da coach

Incarnare una mentalità da coach

Una nuova ed importante competenza è stata aggiunta alle Competenze fondamentali di ICF, pubblicate a novembre 2019, e cioè incarna il coaching mindset.   Investire su te stesso in qualità di coach è della massima importanza poiché l'industria del coaching continua a...

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

2022 ICF Global – Studio sulla consapevolezza dei clienti

A livello globale, i motivi più frequentemente citati per la partecipazione ad un programma di coaching sono stati: il ​​miglioramento delle capacità comunicative (37%),  seguito dal miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata  e dall'aumento...

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

Funzioni di leadership: chiavi per cambiare le dinamiche del team

A cura del professor David Clutterbuck Un documento fondamentale sulle funzioni di leadership identifica 15 funzioni suddivise in due fasi mutuamente dipendenti dell'attività del team (Morgeson et al, 2009). La prima fase, denominata transizione, consiste in attività...